Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Il mondo delle auto d'epoca => Immatricolazioni, Bollo, ASI => Topic started by: Danpol on 17 Novembre 2017, 18:20:41

Title: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 17 Novembre 2017, 18:20:41
salve a tutti,

che voi sappiate è possibile ottenere un CRS direttamente all' ASI SENZA passare attraverso un club federato?

Grazie
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 17 Novembre 2017, 18:32:49
NO
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 17 Novembre 2017, 19:49:28
che peccato...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 17 Novembre 2017, 22:16:13
1)domandati come potrebbe un ente gestire 200.000 iscritti;

2)in un mondo contaminato da cialtroni, senza il filtro dei singoli club, prova ad immaginare che babele sarebbe,

e questi sono le prime motivazioni che mi vengono in mente.


Non riesco a capire che cosa ti fa scrivere quello che hai scritto nell'ultimo post  ???
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: valetri75 on 18 Novembre 2017, 07:26:36
che peccato...

Immagino che voglia dire che peccato dover pagare per forza anche l'iscrizione ad un club federato ASI.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: rana on 18 Novembre 2017, 08:31:40
1)domandati come potrebbe un ente gestire 200.000 iscritti;



Non riesco a capire che cosa ti fa scrivere quello che hai scritto nell'ultimo post  ???
Ente privato :-\ basterebbe una leggina seria e una politica oculata ...........
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 18 Novembre 2017, 09:33:02
Immagino che voglia dire che peccato dover pagare per forza anche l'iscrizione ad un club federato ASI.

Mah io su questo discorso del "dover per forza" non sono molto d'accordo... Noi italiani siamo un "non-popolo" strano, assolutamente individualisti ed egocentrici... Un club federato è prima di tutto aggregazione, scambio di informazioni, di esperienze. Spesso tra i soci c'è un meccanico, o un consulente, o chi ci sa aiutare con quelle pratiche o ci consiglia quell'elettrauto. Poi c'è l'aspetto conviviale, le gite, i raduni.

Invece tantissima gente è convinta di sapere tutto sulle storiche, gli interessa solo l'assicurazione a basso costo o l'esenzione del bollo, dice "la macchina è mia e la gestisco come voglio io", sono convinti che su internet si trova tutto "a meno" e che mio cuggino meccanico è il migliore. E quindi vede l'ASI e tutto il mondo dell'associazionismo come un ostacolo.

Sono fermamente convinto che coloro, soprattutto tra i neofiti, che disprezzano l'utilità dei club nella passione delle auto, siano sostanzialmente fuori strada. Poi per carità ci sono anche delle lodevoli eccezioni: gente che per anni ha studiato e si è documentata su un modello o una marca tanto da saperne più di un commissario tecnico, ma non sono la maggioranza.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: valetri75 on 18 Novembre 2017, 09:50:48
Nigel, ciò che scrivi è sacrosanta verità; il problema è che ci sono tanti club con gente qualificata però la legge costringe chi vuole ottenere determinati benefici all'iscrizione presso quelli federati ASI, con evidenti vantaggi economici per questi ultimi a discapito dei primi, ma la mia opinione dell'ASI credo ormai sia nota nel forum.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 18 Novembre 2017, 10:29:46
Quote
Immagino che voglia dire che peccato dover pagare per forza anche l'iscrizione ad un club federato ASI.
Esattamente.

La questione non è snobbare o disprezzare il mondo dell' associazionismo, che pure rispetto. Quello che mi crea un senzo di prurigine è questo "obblighismo" tutto italiano, frutto della mentalità intrallazionistica imperante in questo paese di melma.
Cioè...mi starebbe anche bene dovermi rivolgere ad un club federato che opera a nome e per conto dell' asi sul territorio, ma allora chiedimi i 20 euro del CRS ed una tantum per il disturbo (diritti di segreteria, spese amministrative, chiamale come vuoi) e fine della storia. Pace e bene.
Invece no, siamo italiani, e allora per un certificato da 20 euro devo associarmi al club anche se non mi interessa, più devo pagare anche l' iscrizione come membro ASI (che - di nuovo - non mi interessa) per un totale di qualche CENTINAIO DI EURO...(attenzione che l' asi ha stabilito che tra iscrizione al club e all' ente non si possa scendere SOTTO i 100 euro...)...
Cioè...davvero...queste cagate mi hanno stancato...non le sopporto più...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 18 Novembre 2017, 17:18:49
... la legge costringe chi vuole ottenere determinati benefici all'iscrizione presso quelli federati ASI...

Credimi, in altri Stati è anche peggio... Ma comunque la tendenza è quella che per certificare la storicità di un veicolo e quindi ottenere -qualche- agevolazione, la maggior parte delle Nazioni ha adottato la formula di delegare la certificazione ad un organismo indipendente, privato e federato alla FIVA.

Non è assolutamente un discorso solo italiano. E' che noi, geneticamente portati al sotterfugio, vediamo il marcio in ogni cosa.

In ogni caso, una volta certificata la storicità, non è necessario rinnovare la tessera.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 18 Novembre 2017, 17:59:10
per un totale di qualche CENTINAIO DI EURO...(attenzione che l' asi ha stabilito che tra iscrizione al club e all' ente non si possa scendere SOTTO i 100 euro...)...
120(dicasi centoventi) una tantum, e STOP  ::)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 18 Novembre 2017, 20:08:02
Quote
120(dicasi centoventi) una tantum, e STOP  ::)
...nì.
nel senso che 120 euro sono IL MINIMO che può essere richiesto (quindi, da qui a peggio...)...
in ogni caso è il princìpio che mi indispettisce, come già detto.

per il resto è un discorso che finisce per portare lontano. Nel mio caso, per esempio, la storicità del veicolo sarebbe già accertata, essendo iscritto asi dal 2011 ed in possesso del relativo Attestato di Storicità, ma a fini assicurativi questo non basta. Così, tanto per essere contorti...

e giù pezzi di carta, balzelli, e ogni genere di espediente per scucire soldi all' appassionato-pollo...questo perchè il possesso di un auto storica va incentivato...
sìsì, siamo proprio in mano agli enti giusti...

Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 18 Novembre 2017, 23:24:55
Allora il problema reale, è la compagnia assicurativa, che è privata e che , quindi,decide in base alle proprie politiche commerciali.
Come già scritto più volte, la compagnia assicurativa alla quale mi sono rivolto, richiede che il veicolo abbia almeno 20 anni e che il proprietario sia iscritto ad un club legalmente costituito(non necessariamente federato ASI) e null'altro. ;)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 19 Novembre 2017, 08:41:57
Nel mio caso, per esempio, la storicità del veicolo sarebbe già accertata, essendo iscritto asi dal 2011 ed in possesso del relativo Attestato di Storicità, ma a fini assicurativi questo non basta. Così, tanto per essere contorti...

sìsì, siamo proprio in mano agli enti giusti...



Ma perchè prendersela con ASI?
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 19 Novembre 2017, 09:19:24
Ma infatti non ce l' ho espressamente con l' asi, non mi pare di averlo scritto da nessuna parte.
Ho parlato genericamente di un "obblighismo". Che sia dell' asi che per rilasciare un superfluo pezzo di carta pretende iscrizioni e controiscrizioni, che sia dell' assicurazione che mette i suoi paletti, che sia dell' associazione che mette i suoi poco importa...viviamo in un paese dove gli enti privati che si costituiscono acquisiscono vita propria e dettano le condizioni che gli pare, complice l' assenza di leggi chiare e vincolanti...
sembra l' auto storica sia un lusso da tartassare anzichè un bene da tutelare.

Cioè...solo da noi può succedere che il semplice atto di assicurare un auto storica si trasformi in un incubo tra tariffe folli e condizioni improbabili...
Per dire, ieri ho trascorso gran parte della GIORNATA a fare preventivi e chiedere info senza ottenere sostanzialmente nulla. per di più sembra che perfino nell' ambito della stessa compagnìa ciascuna agenzia a sua volta sia libera di applicare determinate convenzioni e condizioni, dunque non se ne esce a meno di trasformarsi in un call center a tempo pieno che interpelli agenzia per agenzia...
Ditemi se è normale dover spendere ORE per una cosa del genere...
Ma sapete qual'è stata la ciliegina sulla torta? che avevo spuntato un ottimo prezzo presso una nota compagnìa "tetefonica" pur senza alcuna convenzione/beneficio, per poi scoprire che avevo inserito il cap sbagliato nel preventivo; corretto quello ho scoperto che tra centro e periferia della stessa città la tariffa RADDOPPIA....cioè...no...dai...non ne posso più...

@ITRAEL: se mi volessi comunicare (anche in pvt) il nome di questa compagnìa te ne sarei grato (come detto, io NON sono stato in grado di trovare nulla di buono)...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 19 Novembre 2017, 09:49:19
@ITRAEL: se mi volessi comunicare (anche in pvt) il nome di questa compagnìa te ne sarei grato (come detto, io NON sono stato in grado di trovare nulla di buono)...
Nessun mistero: Bartolini e Mauri, io mi rivolgo all'agenzia di Voghera ma non penso ci siano importanti differenze di trattamento tra un'agenzia e l'altra.
Ti consiglio di dare un'occhiata anche qui:
http://forum.passioneauto.it/index.php?topic=6734.330
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 19 Novembre 2017, 09:57:52
Ho parlato genericamente di un "obblighismo". Che sia dell' asi che per rilasciare un superfluo pezzo di carta pretende iscrizioni e controiscrizioni, che sia dell' assicurazione che mette i suoi paletti, che sia dell' associazione che mette i suoi poco importa...viviamo in un paese dove gli enti privati che si costituiscono acquisiscono vita propria e dettano le condizioni che gli pare, complice l' assenza di leggi chiare e vincolanti...
sembra l' auto storica sia un lusso da tartassare anzichè un bene da tutelare.

Cioè...solo da noi può succedere che il semplice atto di assicurare un auto storica si trasformi in un incubo tra tariffe folli e condizioni improbabili...
Per dire, ieri ho trascorso gran parte della GIORNATA a fare preventivi e chiedere info senza ottenere sostanzialmente nulla. per di più sembra che perfino nell' ambito della stessa compagnìa ciascuna agenzia a sua volta sia libera di applicare determinate convenzioni e condizioni, dunque non se ne esce a meno di trasformarsi in un call center a tempo pieno che interpelli agenzia per agenzia...
Ditemi se è normale dover spendere ORE per una cosa del genere...
Ma sapete qual'è stata la ciliegina sulla torta? che avevo spuntato un ottimo prezzo presso una nota compagnìa "tetefonica" pur senza alcuna convenzione/beneficio, per poi scoprire che avevo inserito il cap sbagliato nel preventivo; corretto quello ho scoperto che tra centro e periferia della stessa città la tariffa RADDOPPIA....cioè...no...dai...non ne posso più...
O sei stato sfortunato o la stai ingigantendo, oppure, caso più probabile, ti sei affidato solo alla rete.
Il mio pensiero è che comunque, qualcuno esperto, debba certificare che la tua auto è in buoni/dignitose condizioni da poter giustificare il trattamento di auto storica, Tra l'altro sono decisamente contrario al fatto che, una volta emesso il CRS, quel veicolo per i successivi 50 anni rimarrà nelle condizioni testimoniate dalle foto allegate alla richiesta.
Un controllo periodico dovrebbe essere la norma.
Se poi vogliamo aprire un discorso sulla paralisi dovuta alla burocrazia in Italia, sulla mancanza di equità della tassa di possesso, svincolata dall'età dell'auto, più volte ho espresso il mio pensiero(che vale come opinione di uno qualsiasi e quindi poco più di zero), allora non ce la caviamo più  ::)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: pugnali53 on 19 Novembre 2017, 10:26:13
Il mio intervento a pag 22 sulla discussione che ti hà indirizzato ITRAEL ti avrebbe fatto risparmiare le ore che hai perso....

Centro assicurativo pavese accetta auto da 20 anni ma esamina caso x caso adeguando il premio, ad esempio nessun problema x la mia lotus elise del 1996 ma credo che pagherò di più della mia bmw 525 tds sempre del 1996 che comunque accetta, l'iscrizione all'asi non è richiesta dell'auto, ma forse sì del proprietario a un club federato asi, io sono un caso a parte per questo motivo riguardo a quest'ultima affermazione non sono preciso, dopo i 25 anni nessun problema.
Si può assicurare l'auto solo dal mese successivo ai 20 anni dalla data d'immatricolazione, altra cosa interessante con un sovraprezzo di 80 euro x tutto il parco auto lo puo guidare un 21enne, di 4 auto assicurate compreso il sovraprezzo x 21enne io pago 349 euro dal 2016 guida limitata a 4 patentati identificati in polizza e qualsiasi operatore del settore, carrozziere, elettrauto, meccanico, dipendenti compresi, è vietata la circolazione contemporanea di 2 o più auto.

A volte leggere lo storico di questo forum non è una perdita di tempo, a proposito della mia bmw E 39 del 1996 non iscritta Asi, come nessuna delle mie storiche tranne l'alfetta gtv 2000 che era già asi al momento dell'acquisto, non hò pagato un centesimo in più delle altre più datate, quindi io stò pagando 69,8 euro cadauna delle 5 che attualmente hò assicurate, se uno degli autorizzati alla guida non avesse meno di 26 anni, mio figlio, pagherei 269 euro totali quindi 53,8 euro cadauna compreso recupero stradale fino a 150 euro, non lo trovo assolutamente caro, naturalmente esistono varie formule da adattare caso x caso x una o più auto con coperture variabil, che ovviamente fanno lievitare il premio, vetri, eventi atmosferici, assistenza legale, massimali elevati, ecc ecc centro assicurativo pavese 0382465574 parlare con Elisa.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 19 Novembre 2017, 10:38:10
Quote
O sei stato sfortunato o la stai ingigantendo, oppure, caso più probabile, ti sei affidato solo alla rete.
Per ora ho cercato solo in rete, chiaramente. Non vedrei altre possibilità, a meno di non andare "porta a porta" per agenzie a caso...al momento non mi vengono in mente altri possibili criteri di ricerca...

Quote
Il mio pensiero è che comunque, qualcuno esperto, debba certificare che la tua auto è in buoni/dignitose condizioni da poter giustificare il trattamento di auto storica, Tra l'altro sono decisamente contrario al fatto che, una volta emesso il CRS, quel veicolo per i successivi 50 anni rimarrà nelle condizioni testimoniate dalle foto allegate alla richiesta.
Un controllo periodico dovrebbe essere la norma.
D'accordissimo.

...comunque i due broker che segnalate li avevo consultati: per quanto riguarda Bartolini e Mauri in effetti avevo utilizzato il loro preventivatore online e mi era venuta fuori una cifra assurda, oltre al fatto che tra le codizioni di polizza è richiesto il possesso di almeno DUE auto storiche...mentre per il centro assicurativo pavese avevo rinunciato dal momento che anche solo per il preventivo è richiesto comunque l'invio di tutta la documentazione del veicolo (e del contraente), ed in più vedo ora che sono ITAS anche loro (come Bartolini e Mauri), dunque, suppongo stessi vincoli.
senza contare che in entrambi i casi dovrei "inventarmi" anche un club al quale iscrivermi...

Vicolo cieco, come volevasi dimostrare...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: pugnali53 on 19 Novembre 2017, 10:47:19
Danapol ma ti è gran fatica spedire al centro assicurazione pavese una scansione del libretto di circolazione e di un documento del contraente? A me solo questo hanno richiesto, d'altra parte come fanno a stipulare la polizza senza documenti del veicolo da assicurare e contraente?
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Danpol on 19 Novembre 2017, 11:06:33
nessuna fatica; manca però un documento che certifica la mia iscrizione ad un club...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: valetri75 on 19 Novembre 2017, 13:54:47
la maggior parte delle Nazioni ha adottato la formula di delegare la certificazione ad un organismo indipendente, privato e federato alla FIVA.

Ignoro come sia regolata all'estero la materia, però in Italia abbiamo almeno due enti federati FIVA, quindi perché concedere il tutto in monopolio all'ASI?
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: pugnali53 on 19 Novembre 2017, 15:30:19
nessuna fatica; manca però un documento che certifica la mia iscrizione ad un club...

X me l'hanno voluta dopo stipulata la polizza, comunque l'hò fatto solo una volta, poi sò che vorrebbero che il proprietario o contraente fosse iscritto a un club associato asi ma anch'io come te la vedo una cazzata quindi non l'ho più fatto e siccome non hanno piu preteso la fotocopia dell'iscrizione stop a club di qualsiasi tipo, sanno solo chiedere senza dare.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 19 Novembre 2017, 16:31:51
Come già scritto, Bartolini e Mauri richiede che il veicolo sia almeno ventennale e che si sia iscritti ad un club legalmente costituito: l'iscrizione al club mi costa 60 euro mentre l'assicurazione per 4 veicoli, quest'anno, mi è costata 280 euro.
A testimonianza della serietà, provai a chiedere di includere la mia Fiesta, classe 1993, e mia auto quotidiana nella polizza di cui sopra e mi fu risposto che, per poterla assicurare come storica, avrei dovuto dimostrare la proprietà di un veicolo più moderno.In altre parole, se hai un'auto vecchia con cui circoli tutti i giorni, non te l'assicuro come storica, scelta che condivido, lasciando perdere ogni polemica o puntualizzazione sui comportamenti banditeschi di molte compagnie. >:(

Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: pugnali53 on 19 Novembre 2017, 17:49:34
I costi all'incirca si equivalgono fra Bartolini e Mauri e il centro assicurativo pavese, anche a me x il mio toyota land cruiser kdj 95 3.0 turbodiesel del 2001 in classe 1 da sempre il centro assicurativo pavese mi hà chiesto un premio di 1200 euro x solo rca, ovviamente l'hò assicurata con altra compagnia a 370 euro, x quel che mi riguarda sono competitivi solo sulle storiche per il resto solito caos incomprensibile sui premi.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 20 Novembre 2017, 08:28:34
Danpol, posso essere schietto: la stai ingigantendo oltre ogni limite, alza il deretano dal divano e telefona o vai di persona da un paio di broker. Si fa così, si è SEMPRE fatto così. Non è una passione da divano + computer.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 20 Novembre 2017, 09:23:30
Sono d'accordo con Nigel: tra le difficoltà burocratiche italiote, non rientra la stipula di una polizza assicurativa a costi e procedure ragionevoli.
Leggiti almeno le ultime pagine(= quelle più aggiornate) della discussione che ti ho segnalato e chiama telefonicamente le agenzie, NON affidarti al preventivo online.Quella sì è una perdita di tempo.
Tieni conto che una polizza per auto d'epoca, non è certo il maggior interesse economico per la compagnia e quindi, online, non c'è alcun interesse a rendere appetibile la stipula.
La disponibilità a proporre una polizza specifica per la nostra passione è dettata, principalmente, da completezza di servizio.Si può prevedere che il cliente che già è assicurato con la moderna, chieda una polizza per la veterana e, in quel modo soddisfi e mantieni il cliente.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 28 Novembre 2017, 15:20:02
In Francia, dato che prima o poi qualcuno metterà dei vincoli alla circolazione delle auto obsolete (in particolare a gasolio), la Federazione Francese delle Auto d'Epoca si sta già muovendo per capire dagli associati le vere necessità tramite un sondaggio...

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScUdlngsMap75E2O7ylQOGPRunPlBWrTmUitdkh2UyAqfIwXw/viewform

Utopia per noi?
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 28 Novembre 2017, 15:58:19
In Francia, dato che prima o poi qualcuno metterà dei vincoli alla circolazione delle auto obsolete (in particolare a gasolio), la Federazione Francese delle Auto d'Epoca si sta già muovendo per capire dagli associati le vere necessità tramite un sondaggio...

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScUdlngsMap75E2O7ylQOGPRunPlBWrTmUitdkh2UyAqfIwXw/viewform

Utopia per noi?
direi fantascienza :(
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 28 Novembre 2017, 16:24:26
Se non ho capito male può compilarlo chiunque, non solo gli associati (io l'ho fatto...)
Che valore ha una tale consultazione? Nessuno.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 28 Novembre 2017, 17:15:26
Penso possa servire ad avere una percezione più reale della frequenza d'uso e della percorrenza media dei veicoli storici sul territorio francese.
Dalla presentazione, si intuisce che il governo ha intenzione di ridurre progressivamente la possibilità di circolazione dei veicoli storici e che quindi, con un numero consistente di risposte, la federazione nazionale, possa portare, nella trattativa, il peso di un certo numero di appassionati.

P.S. visto che l'hai compilato,la tua nuova residenza in che dipartimento è?  ;D ;D ;D
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 28 Novembre 2017, 17:23:28

P.S. visto che l'hai compilato,la tua nuova residenza in che dipartimento è?  ;D ;D ;D

Cote D'Azur, c'è bisogno di chiederlo?  8)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 28 Novembre 2017, 17:25:29
Penso possa servire ad avere una percezione più reale della frequenza d'uso e della percorrenza media dei veicoli storici sul territorio francese.
Dalla presentazione, si intuisce che il governo ha intenzione di ridurre progressivamente la possibilità di circolazione dei veicoli storici e che quindi, con un numero consistente di risposte, la federazione nazionale, possa portare, nella trattativa, il peso di un certo numero di appassionati.

Però, visto che lo può compilare chiunque (anche chi non ha nulla a che spartire con le auto storiche) e forse anche più volte, non mi sembra assolutamente rappresentativo.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 28 Novembre 2017, 20:01:05
Non guardarlo con "occhi italiani": se l'associazione (www.ffve.org/) che, da quello che ho capito, riunisce tutti club francesi, si muove in quella direzione, puntando a portare dei numeri sul tavolo delle trattative con il governo, probabilmente sa di portare dei dati credibili.
Il fatto che può essere inviato più volte, può essere, ad esempio, verificato con l'indirizzo IP e quindi escluso dal conteggio.

p.s. io avrei scelto Provence  8)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: valetri75 on 29 Novembre 2017, 07:37:16
p.s. io avrei scelto Provence  8)

è quella che ho scelto io ;D  ;D
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: csj.bomber on 29 Novembre 2017, 19:08:20
Fatto anche io, Costa Azzurra, 2 pari  ;D
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: t.bird on 29 Novembre 2017, 20:01:38
In Francia, dato che prima o poi qualcuno metterà dei vincoli alla circolazione delle auto obsolete (in particolare a gasolio), la Federazione Francese delle Auto d'Epoca si sta già muovendo per capire dagli associati le vere necessità tramite un sondaggio...

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScUdlngsMap75E2O7ylQOGPRunPlBWrTmUitdkh2UyAqfIwXw/viewform

Utopia per noi?

bello, ho compilato il questionario, sarebbe bello anche in italia... ma il loro motto è legalità fraternità libertà.
t.bird
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 29 Novembre 2017, 20:06:36
sì, vabbè ma che dipartimento hai scelto? ;D ;D
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: t.bird on 30 Novembre 2017, 07:18:45
sì, vabbè ma che dipartimento hai scelto? ;D ;D
Provence....
t.bird
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: ITRAEL on 30 Novembre 2017, 07:31:11
Fatto anche io, Costa Azzurra, 2 pari  ;D
3 a 2  8) 8)
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: t.bird on 30 Novembre 2017, 12:33:50
.. di tutto questo, quello che mi fa veramente rabbia, è il fatto, che i nostri "cugini" d'oltre alpe, i quali sono nei nostri confronti molto critici e pieni di se, (e un pò mi stanno sulle balle), hanno questo organismo, il quale funziona meglio degli organismi che abbiamo noi.
Vorrei tanto sbattergli in faccia, qualcosa che sia superiore al loro.... ma hhhhaaimè mi devo ripiegare al loro, compilando pure il loro questionario, ... pur di dare voce ai miei pensieri, salvaguardando come posso i miei interessi.... nella speranza che se loro riescono.... qualcuno dei nostri ..... (utopia) ne prenda esempio...
t.bird
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 30 Novembre 2017, 15:23:28
E non hai visto cosa fanno i motociclisti con le loro associazioni ufficiali.... http://www.ffmc.asso.fr/?lang=fr

"Non aux discriminations sociales, liberté de circuler !"

https://www.ladepeche.fr/article/2017/10/01/2656313-les-motards-en-colere-maintiennent-la-pression.html
https://www.ladepeche.fr/article/2017/10/01/2656313-les-motards-en-colere-maintiennent-la-pression.html

Interessante la proposta fatta al Governo di ridurre l'IVA al 5,5% sugli equipaggiamenti di sicurezza (caschi & affini)... ma PERCHE' le nostre associazioni di categoria, di QUALSIASI categoria non si battono MAI per ridurre tasse e balzelli a vantaggio degli associati, ad esempio dimostrando che abolendo il superbollo il solo gettito dell'IVA sulle auto sportive praticamente triplicherebbe!!!
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: t.bird on 30 Novembre 2017, 17:42:36
E non hai visto cosa fanno i motociclisti con le loro associazioni ufficiali.... http://www.ffmc.asso.fr/?lang=fr

"Non aux discriminations sociales, liberté de circuler !"

https://www.ladepeche.fr/article/2017/10/01/2656313-les-motards-en-colere-maintiennent-la-pression.html
https://www.ladepeche.fr/article/2017/10/01/2656313-les-motards-en-colere-maintiennent-la-pression.html

Interessante la proposta fatta al Governo di ridurre l'IVA al 5,5% sugli equipaggiamenti di sicurezza (caschi & affini)... ma PERCHE' le nostre associazioni di categoria, di QUALSIASI categoria non si battono MAI per ridurre tasse e balzelli a vantaggio degli associati, ad esempio dimostrando che abolendo il superbollo il solo gettito dell'IVA sulle auto sportive praticamente triplicherebbe!!!

perchè sono idioti... cioè siamo in mano a degli idioti elevati all'ennesima potenza.
t.bird
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: rana on 30 Novembre 2017, 17:43:54
Non c'è miglior sordo di chi non vuol sentire, specie se fa MOLTO comodo
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: csj.bomber on 30 Novembre 2017, 19:33:22
3 a 2  8) 8)
  ;D e dai piano piano pareggiamo.
perchè sono idioti... cioè siamo in mano a degli idioti elevati all'ennesima potenza.
t.bird
  :o hai pure fatto lo sconto
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Sovrasterzo on 05 Dicembre 2017, 18:28:14
ad esempio dimostrando che abolendo il superbollo il solo gettito dell'IVA sulle auto sportive praticamente triplicherebbe!!!
È stato dimostrato, ma la risposta della Ragioneria dello Stato è stata che "non ci sarebbero le coperture per sopperire a tal abrogazione", ergo, bisognerebbe prevedere la sostituzione del potenziale gettito dell'obolo in questione facendolo pesare su altro...
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: nigel68 on 07 Dicembre 2017, 08:50:49
La motivazione vera è di tipo politico; il gettito del superbollo (120 mln l'anno scorso) lo coprirebbero in un attimo. Rappresenta lo 0,026% del gettito complessivo secondo dati dello studio Promotor, che non è esattamente l'ultima minchiàta del web... :D ma è un organismo molto autorevole..

Assai  più autorevole di quell'ammasso di parrucconi chiamato pomposamente "Ragioneria generale dello Stato" composta per lo più da poltronari rubastipendio la quale non ha trovato di meglio che assecondare, come servigio agli altri imbecilli di Bruxelles, il principio secondo cui nessuna tassa può essere tolta senza prevederne una di uguale gettito. Il che è una stupidaggine colossale dato che di fatto renderebbe impossibile la riduzione o anche la semplice modulazione della pressione fiscale, abolendo di fatto una delle leve principali della macroeconomia. E senza politica fiscale, uno Stato non può dirsi tale.

Sorvolo sulla correttezza del boiardo di Stato che ha retto per anni detta spregevole istituzione, oggi pluri-indagato, tal A.M. per gli addetti ai lavori...ma giustamente lui eseguiva solo gli ordini si dirà... 

Ricordo, per i più giovani che danno per scontato lo strapotere della UE, che in passato recente gli Stati avevano facoltà di alzare o abbassare le imposte a piacimento per stimolare l'economia, ovviamente con provvedimenti ragionati. Cosa che ad esempio fanno altri paesi attualmente fuori dall'UE.

Un deciso abbassamento delle tasse sull'automobile ne stimolerebbe il comparto. Invece in Europa si è fatto il contrario (ma in italia siamo al top) finendo col comprimere il mercato fra tasse & normative tanto da renderlo poco appetibile anche per le stesse Case costruttrici.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Sovrasterzo on 07 Dicembre 2017, 10:35:30
Purtroppo, volenti o nolenti, sono loro che hanno in mano il pallino del gioco, e non c'è modo per sottrarsi a questo, benché io concordi in linea di massima con quanto da te appena esposto.
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: rana on 07 Dicembre 2017, 14:02:35
Guarda in tutti i settori regna lo schifo più assoluto, non ti dico i costi per locare un bilocalino in campagna, sulla carta è semplice ma la norma aiuta i delinquenti. Ovviamente in certe zone della città, dove le cose si intuiscono solo dando una sbirciata, questa burocrazia non vale.... in 10 in un monolocale, no problem ;D garage locati usati come appartamenti, green economy ;D locazioni in nero in zone con molti studenti mettendoli in tuguri malsani, l'umidità evita la pelle secca ;D
Molti non mi crederanno ma leggete anche solo per 3 giorni il sito de l'arena e ne vedrete delle belle
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: pugnali53 on 07 Dicembre 2017, 15:54:53
Io spero che gli italioti alle prossime votazioni visto come sono stati governati dopo la fine della prima repubblica in tempo pari dalla destra e dalla sinistra, che servono solo a dar fumo negli occhi si sveglino e scelgano l'unica alternativa per cambiare direzione, ma sono di memoria corta e finisce come in sicilia.....
Title: Re: CRS ASI e club federati
Post by: Frosty the snowman on 07 Dicembre 2017, 17:30:04
Io spero che gli italioti alle prossime votazioni visto come sono stati governati dopo la fine della prima repubblica in tempo pari dalla destra e dalla sinistra, che servono solo a dar fumo negli occhi si sveglino e scelgano l'unica alternativa per cambiare direzione, ma sono di memoria corta e finisce come in sicilia.....

Mi sembra che il regolamento non consenta di parlare di politica (giustamente).