Author Topic: Beta Cigno Turismo  (Read 1392 times)

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #15 on: 04 Luglio 2017, 15:53:23 »
Esattissimo ;)
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Online rana

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1906
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #16 on: 04 Luglio 2017, 16:43:23 »
Pensa che il genio che mi ha venduto il mosquito aveva '' creato'' un carburante a base di solventi per vernici ;D Il senso non lo so dato che la miscela costava meno....

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #17 on: 04 Luglio 2017, 17:05:43 »
Dicono che mettere il diluente nitro si alza il numero di ottani... per sulla salute di tubi & raccordi non ci scommetterei :D :D :D
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #18 on: 04 Luglio 2017, 20:59:01 »
Eccomi con le foto fatte oggi:







Ecco il cilindro:



Il pistone:





E qui infine il liquido uscito dal cambio...



« Last Edit: 04 Luglio 2017, 21:58:14 by il Manta »

Offline pugnali53

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 943
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #19 on: 05 Luglio 2017, 10:05:06 »
Queste foto mi ricordano quante ore munito di lima, flessibile, carta vetrata e moltissimo olio di gomito da 15enne h passato a elaborare l'Ital jet col minarelli che usavo x sfide fra amici il sabato e la domenica, nel 1968 x m era un lusso anche andare a lavorare in motorino, bici e via, ma i giorni non lavorativi n, le gare erano sacre, l'assoluta priorit.

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #20 on: 05 Luglio 2017, 22:08:54 »
Oggi, non avendo tempo di fare lavori importanti in officina sul Beta, ho tentato di rimuovere la ruggine dal corpo radiante, ve lo ricordate?





Ho riempito una bacinella con un paio di litri d'acqua, aggiungendo due cucchiai di bicarbonato di sodio ogni litro d'acqua, quindi ho collegato il polo negativo all'oggetto da pulire, e qualche bullone da sacrificare al polo positivo.
Dopo aver lasciato qualche minuto l'oggetto in ammollo per amorbidire la ruggine (cos veniva consigliato da un video su YouTube), ho dato corrente con un alimentatore 12V 5A:



Immediatamente la ruggine inizia a staccarsi dalle lamelle:



E dopo neanche venti minuti il risultato questo (viene consigliata un'ora di trattamento):



Dopo un'ora di trattamento, con spostamento costante del pezzo in modo da immergerlo parzialmente, ecco come si presentavano i bulloni:



Ecco il pezzo al termine del trattamento di prova, e domani si replica seriamente:






Online rana

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1906
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #21 on: 06 Luglio 2017, 06:47:19 »
Davvero una bella guida!

Offline aldoz

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 635
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #22 on: 06 Luglio 2017, 11:15:35 »
Ma alluminio o ghisa? Il trattamento si applica ad entrambi?

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #23 on: 07 Luglio 2017, 20:51:55 »
Quella ghisa, per ho notato che un po' di ossido si riforma, penso dovr passare un po' di ferox per fermare il fenomeno.

Oggi ho iniziato lo smontaggio del gruppo cambio (si chiama cos?), smontando i due gusci laterali. Ecco come si presentano sul lato corona:



e sul lato frizione:



Mi stato detto che i bulloni che fissano i due pezzi si svitano in senso opposto uno dall'altro, uno in senso orario, l'altro nel senso antiorario: cos? Come procedo adesso nello smontaggio per non fare danni?

Grazie!!!

Offline valetri75

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2939
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #24 on: 08 Luglio 2017, 08:22:40 »
Per, interessante il procedimento elettrolitico

Offline aldoz

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 635
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #25 on: 08 Luglio 2017, 11:19:56 »
Il ferox sulle alette della testata mi sembra proprio fuori luogo.. al limite del fosfatante tipo rimox, giusto il tempo del restauro prima di rifinirlo come si deve, ma non so se adatto alla ghisa. E comunque anche il rimox dove reagisce diventa nero, non bellissimo da vedere.

Forse una spruzzata con degli spray per alte temperature con finitura tipo alluminio? Non sono esperto...

Ma in origine le teste in ghisa come si trattavano? E i monoblocchi in ghisa delle auto? Erano perennemente arrugginiti o coperti d'olio?

In effetti il collettore di scarico sempre a finitura "ossido" :-)
« Last Edit: 08 Luglio 2017, 11:22:26 by aldoz »

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #26 on: 08 Luglio 2017, 11:41:20 »
Il ferox sulle alette della testata mi sembra proprio fuori luogo.. al limite del fosfatante tipo rimox, giusto il tempo del restauro prima di rifinirlo come si deve, ma non so se adatto alla ghisa. E comunque anche il rimox dove reagisce diventa nero, non bellissimo da vedere.



Non sulla testata, ma sulle alette del cilindro che, da tutte le foto reperite in rete, appaiono scure.

Pensavo di darci una spennellata e poi una passata con una spazzola a setole dure per togliere i residui, per bloccare il processo di ossidazione.

Offline aldoz

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 635
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #27 on: 08 Luglio 2017, 11:45:08 »
Si, scusa, volevo dire cilindro, ma il senso non cambia, il feroce non mi sembra adatto per quell'applicazione.

Se le hai viste scure forse erano semplicemente trattate con l'olio.

Magari esiste qualche spray per alte temperature colo canna di fucile.

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #28 on: 09 Luglio 2017, 19:32:16 »
Oggi ho cercato di capire come andare avanti con lo smontaggio del gruppo cambio: ho scoperto che il perno dell'ingranaggio collegato alla frizione e albero motore, solidale anche con il volano magnete ( corretta la denominazione?):





Quindi piano piano, ruotando e aiutandomi con un estratore, sono riuscito a togliere l'ingranaggio:



Ora per il problema: non riesco a svitare il dado della bobina in quanto ora non ho un appiglio dove usare una controchiave per lo smontaggio, infatti l il perno o ha la filettatura (e l non voglio fare forza) oppure una parte conica dove impossibile trovare grip:



L'ingranaggio venuto pulitissimo, perfettamente senza ruggine, grazie a una spennellata di nitro.
Adesso sto cercando di capire come smontare la campana a sinistra, forse devo fare forza inversa sia sulla vite a taglio che sul dado?

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2123
Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #29 on: 11 Luglio 2017, 11:33:10 »
Grazie a questo manuale, suggeritomi da utente di altro forum specializzato, oggi sono andato avanti un bel pezzo con i lavori: grazie a una chiave a compasso da 3 e una chiave inglese e quindi con un estrattore ho smontato il volano magnete.







Ecco qui il volano:





Quindi, dopo aver fatto una tacca di riferimento su tutti e tre i supporti, ho smontato la piastra dello statore, svincolando il relativo cavo svitando la vite interna alla pipetta candela:



La bobina collegata al cavo candela riporta la data del 1970: una riparazione o effettivamente il ciclomotore da datare a quel periodo?

Smontaggio del pignone tramite una chiave per i filtri dell'olio:



Finalmente ho liberato questa parte, adesso tocca al lato opposto:



Ho svitato dado e vite di fissaggio della frizione, ma non capisco come procedere...



Tramite un estratore???

Urgono dritte!!!  ^?e:  ^?e:  ^?e:
« Last Edit: 11 Luglio 2017, 11:37:18 by il Manta »

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Re: Beta Cigno Turismo
« Reply #29 on: 11 Luglio 2017, 11:33:10 »