Author Topic: Triumph Spitfire 1500  (Read 16712 times)

Offline NightRider2

  • Pilota
  • *
  • Posts: 14
Triumph Spitfire 1500
« on: 06 Gennaio 2011, 22:48:31 »
Buonasera a tutti  :) prossimamente acquisterò la mia prima auto storica, dopo molto tempo che inseguo questo sogno ora finalmente manca poco. Ho preso letteralmente una bella cotta per lo "Spit" 1500 ma sinceramente non ho trovato molto materiale nel web su questa vettura. Proprio per tale ragione volevo gentilmente chiedere a tutti se qualcuno di voi conosce abbastanza bene, oppure possiedo o ha posseduto in passato, questa macchina per parlarmene un poco a livello generale. Mi piacerebbe conoscerne pregi ed eventuali difetti, se non chiedo troppo naturalmente  ;)  Preciso che in caso d'acquisto la userei quotidianamente, soprattutto in città e per delle gite a corto raggio. Tenete anche conto che all'incirca percorro dieci mila chilometri all'anno, anche di meno visto che dalla primavera in poi mi sposto quasi esclusivamente con la mia motocicletta. Resto in attesa di notizie e ringrazio sin da ora chi avrà la gentilezza di fornirmi delucidazioni  :)

Offline jancarlo5180

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1356
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #1 on: 07 Gennaio 2011, 05:28:57 »
Ne ho avuto una, 1500, negli anni '80. Bella, bassa, con la linea di cintura che si abbassava all'altezza dei finestrini, rigida, la seduta bassissima ed arretrata praticamente sull'asse posteriore, si guidava a braccia distese e da quella posizione il cofano sembrava non finisse mai, gli interni tipicamente "british" con un bel cruscotto in legno con icastonata la strumentazione Smiths, prestazioni non eccezionali per un 1500 cc, comunque sufficienti per divertirsi...unici nei, i brutti rostri in plastica appiccicati al paraurti anteriore, e la tendenza del motore a surriscaldarsi.
L'ho desiderata a lungo e, poco più che trentenne, single, finalmente l'acquistai, usata, quando non era già più in produzione da alcuni anni. Abitavo, all'epoca, un grazioso bilocale in piazza De Angeli proprio sopra al bar Excelsa (che ora non esiste più), famoso ritrovo di modelle e atricette della "Milano da bere". Beh, quella macchina piaceva alle donne, o forse piacevo io, o forse tutti e due insieme, fatto sta che non ricordo quante fanciulle posarono le loro deliziose chiappette sul vilpelle e stoffa del sedile del passeggero! Il "trasbordo" si svolgeva solitamente nottetempo ed il tragitto piuttosto breve, da qualche ritrovo in Brera o in Ticinese allo "scannatoio" di piazza De Angeli, 9. Il mattino seguente consigliavo sempre il metrò per il rientro (quei condomini avevano, e forse hanno ancora, un passaggio diretto dal portone alla stazione della metropolitana):"La Spit nel traffico congestionato del giorno si surriscalda...è così comodo e veloce il metrò..." Una bella mattina (o brutta) la fanciulla di turno (che sarebbe stato l'ultimo, ma io non lo sapevo!) non se ne volle andare, e nemmeno il giorno dopo, e neppure quello seguente... La Spit non la prese bene quella convivenza, e, da allora, prese a fare le bizze! La domenica si organizzava delle gitarelle fuori porta, dalle quali molto spesso rientravamo in treno e poi al lunedì il recupero col carro-attrezzi. Dopo un po' me ne disfeci, e dopo ancora un po' mi disfeci anche della fidanzata-convivente. Delle due, avrei dovuto disfarmi solo di una (lascio a voi intuire chi)! Seguirono anni bui con anonime berline anni '80 comprate usate, finquando, alle soglie del nuovo millennio, finalmente una "scoperta": BMW 320 cabrio E30, naturalmente usata, era la macchina dei "fighetti" che spesso vedevo posteggiata davanti al bar Excelsa un decennio prima. Però, in confronto alla Spit, che macchina, più veloce, meglio rifinita, e, soprattutto, molto più affidabile. Non ricordo quanti chilometri avesse fatto quando l'ho presa, io sicuramente non meno di 100.000 senza alcun problema! Con la "nuova" cabrio arrivò anche una nuova fidanzata-convivente. Ora la E30 non c'è più, in compenso la fidanzata c'è ancora, ma da allora ho avuto altre tre spider, compreso quella che ho adesso, la fidanzata invece...è sempre la stessa! ;D

Offline RB

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 600
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #2 on: 07 Gennaio 2011, 09:16:41 »
Ciao, :D
non ho avuto la 1500, ma ho usato parecchio una 1300 MK II,
conservando dei bei ricordi.  Faceva solo paura quando passavi
a fianco di un autotreno e ti sentivi piccolino come una formica.
Tra i vantaggi, oltre ad avere una vettura esclusiva, bella da vedere,
semplice di meccanica per qualunque intervento,  avrai anche un
consumo da super utilitaria.   Forse, qualche piccolo problemino elettrico,
ma niente di grave e poi inizierà l'Amore per le inglesi e te lo porterai
dietro per sempre.
Tieni anche conto che trovi ogni tipo di ricambio, a prezzi ottimi e nuovi,
senza dover diventar matto (come succede per altre marche estere....
emh  ::)italiane) nei mercatini.
ciao ;D
matto nei mercatini ;D
www.autoclassmagazine.com
Per chi ama le auto di ieri, oggi e domani

Offline NightRider2

  • Pilota
  • *
  • Posts: 14
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #3 on: 07 Gennaio 2011, 13:14:01 »
Ne ho avuto una, 1500, negli anni '80. Bella, bassa, con la linea di cintura che si abbassava all'altezza dei finestrini, rigida, la seduta bassissima ed arretrata praticamente sull'asse posteriore, si guidava a braccia distese e da quella posizione il cofano sembrava non finisse mai, gli interni tipicamente "british" con un bel cruscotto in legno con icastonata la strumentazione Smiths, prestazioni non eccezionali per un 1500 cc, comunque sufficienti per divertirsi...unici nei, i brutti rostri in plastica appiccicati al paraurti anteriore, e la tendenza del motore a surriscaldarsi.
L'ho desiderata a lungo e, poco più che trentenne, single, finalmente l'acquistai, usata, quando non era già più in produzione da alcuni anni. Abitavo, all'epoca, un grazioso bilocale in piazza De Angeli proprio sopra al bar Excelsa (che ora non esiste più), famoso ritrovo di modelle e atricette della "Milano da bere". Beh, quella macchina piaceva alle donne, o forse piacevo io, o forse tutti e due insieme, fatto sta che non ricordo quante fanciulle posarono le loro deliziose chiappette sul vilpelle e stoffa del sedile del passeggero! Il "trasbordo" si svolgeva solitamente nottetempo ed il tragitto piuttosto breve, da qualche ritrovo in Brera o in Ticinese allo "scannatoio" di piazza De Angeli, 9. Il mattino seguente consigliavo sempre il metrò per il rientro (quei condomini avevano, e forse hanno ancora, un passaggio diretto dal portone alla stazione della metropolitana):"La Spit nel traffico congestionato del giorno si surriscalda...è così comodo e veloce il metrò..." Una bella mattina (o brutta) la fanciulla di turno (che sarebbe stato l'ultimo, ma io non lo sapevo!) non se ne volle andare, e nemmeno il giorno dopo, e neppure quello seguente... La Spit non la prese bene quella convivenza, e, da allora, prese a fare le bizze! La domenica si organizzava delle gitarelle fuori porta, dalle quali molto spesso rientravamo in treno e poi al lunedì il recupero col carro-attrezzi. Dopo un po' me ne disfeci, e dopo ancora un po' mi disfeci anche della fidanzata-convivente. Delle due, avrei dovuto disfarmi solo di una (lascio a voi intuire chi)! Seguirono anni bui con anonime berline anni '80 comprate usate, finquando, alle soglie del nuovo millennio, finalmente una "scoperta": BMW 320 cabrio E30, naturalmente usata, era la macchina dei "fighetti" che spesso vedevo posteggiata davanti al bar Excelsa un decennio prima. Però, in confronto alla Spit, che macchina, più veloce, meglio rifinita, e, soprattutto, molto più affidabile. Non ricordo quanti chilometri avesse fatto quando l'ho presa, io sicuramente non meno di 100.000 senza alcun problema! Con la "nuova" cabrio arrivò anche una nuova fidanzata-convivente. Ora la E30 non c'è più, in compenso la fidanzata c'è ancora, ma da allora ho avuto altre tre spider, compreso quella che ho adesso, la fidanzata invece...è sempre la stessa! ;D

Eri proprio un "cucador" incallito insomma :-)    Concordo con te che la macchina ha veramente un suo perchè. Personalmente la trovo elegante ma allo stesso tempo molto semplice, con una linea filante. Per il discorso del surriscaldamento nel traffico... ti ringrazio di avermelo fatto notare ;-) alla fine il tragitto per andare al lavoro sarebbe comprensivo di circa una decina di chilometri, di cui circa sei-sette fatti di strada a scorrimento veloce. Solo negli ultimi due potrei trovare un minimo di traffico, ma è ipotesi remota. Poi comunque sono abituato a prestare attenzione al discorso dell'ipotetico surriscaldamento al motore, avendo una moto con raffreddamento ad aria (sempre di marca Triumph :-) ). Comunque al di là dell' impiego giornaliero per recarmi al lavoro, la userei unicamente per girare con la mia ragazza nel week-end, sempre su traggiti medio-brevi, nella mia regione. Al massimo potrei tentare di usarla per andare una volta al mare in estate (da dove abito io dista pressapoco sui 150 km), ma non ho intenzione di farci viaggi lunghi. Insomma, non sarebbe assolutamente sottoposta ad un impegno gravoso. La mia unica e reale paura è data dal fatto che non avendo un garage la notte dormirebbe in strada. Risiedo in un quartiere tranquillo ma purtroppo con i tempi che corrono non si può mai stare tranquilli. Comunque credo che la voglia di entrarne in possesso sconfiggerà questa mia piccola fobia :-)


Ciao, :D
non ho avuto la 1500, ma ho usato parecchio una 1300 MK II,
conservando dei bei ricordi.  Faceva solo paura quando passavi
a fianco di un autotreno e ti sentivi piccolino come una formica.
Tra i vantaggi, oltre ad avere una vettura esclusiva, bella da vedere,
semplice di meccanica per qualunque intervento,  avrai anche un
consumo da super utilitaria.   Forse, qualche piccolo problemino elettrico,
ma niente di grave e poi inizierà l'Amore per le inglesi e te lo porterai
dietro per sempre.
Tieni anche conto che trovi ogni tipo di ricambio, a prezzi ottimi e nuovi,
senza dover diventar matto (come succede per altre marche estere....
emh  ::)italiane) nei mercatini.
ciao ;D
matto nei mercatini ;D


Grazie mille :-)  la MK II purtroppo ha dei costi troppo elevati per le mie tasche, ma anche essa la trovo magnifica. Mi rassicura molto il fatto che mi hai detto non essere onerosa a livello di manutenzione e consumi. Da come tu e jancarlo me l'avete descritta credo che sia proprio la vettura storica che faccia al mio caso. In quanto all'amore per le inglesi.... bè è un amore già consolidato visto che in casa una Triumph già c'è :-) però invece di quattro ne ha due di ruote. Amo le motociclette e le auto inglesi, pur non avendo un gran bagaglio culturale su queste ultime. Ma di tempo per informarsi e far accrescere la passione fortunatamente non manca :-)  Grazie veramente

Offline jancarlo5180

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1356
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #4 on: 07 Gennaio 2011, 16:08:09 »
Il motore del 1500 non è robustissimo, la Spitfire era nata con cilindrata intorno al 1100, e i continui aumenti di cilindrata l'hanno reso un po' fragile. Per il problema del surriscaldamento, so che molti aggiungono una ventola supplementare...Per il resto, è un'auto assai sfiziosa e non costa molto. Il piacere di guida è quello delle classiche roadster inglesi, piacevolmente nervoso, con una frizione piuttosto dura e un cambio dagli innesti secchi e precisi.

Offline aldino

  • Pilota senior
  • ****
  • Posts: 338
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #5 on: 07 Gennaio 2011, 16:50:12 »
E comunque il surriscaldamento è tipico degli spyder inglesi....
Il problema credo sia facilmente risolvibile con l'aggiunta di una elettroventola,almeno così è nelle Mg A

Offline RB

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 600
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #6 on: 07 Gennaio 2011, 16:53:44 »
Si concordo, ;) anch'io alla mia gattina, ho aggiunto una seconda
ventola (unica cosa moderna, ma indispensabile, dato che quella
di serie è piccolissima e risulta insufficiente)
www.autoclassmagazine.com
Per chi ama le auto di ieri, oggi e domani

Offline jancarlo5180

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1356
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #7 on: 07 Gennaio 2011, 17:31:37 »
Si concordo, ;) anch'io alla mia gattina, ho aggiunto una seconda
ventola (unica cosa moderna, ma indispensabile, dato che quella
di serie è piccolissima e risulta insufficiente)

Scusate l'OT, ma un bel servizio fotografico sulle tue stupende inglesi, questa primavera, spero ce lo farai vedere...

Offline RB

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 600
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #8 on: 11 Gennaio 2011, 08:44:13 »
grazie, provvederò sicuramente ;)
www.autoclassmagazine.com
Per chi ama le auto di ieri, oggi e domani

Offline Andr3A

  • Pilota senior
  • ****
  • Posts: 250
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #9 on: 19 Gennaio 2011, 17:57:43 »
ciao anche io sono appassionato di Triumph , ultimamente mi sono comprato un libro dedicato alla Triumph Spitfire e Gt6 e devo dire che e molto utile ci sono molti consigli utili ! se sei intenzionato a comprare una Spitfire io ti consiglio di comprartelo  ;)
Triumph GT6....MAGENTA!!!

Offline piaggio

  • Pilota
  • *
  • Posts: 3
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #10 on: 29 Maggio 2011, 20:11:21 »
ciao io sarei intenzionato a l'acquisto di questa vettura ma ho un dubbio... è meglio la 1300 o 1500 è un auto affidabile? tenendo conto che ha 40 anni..io sarei più propenso per la serie IV 1300  MA anche la serie III   consigli?
 graziee Marco  
« Last Edit: 29 Maggio 2011, 21:00:20 by piaggio »

spiderveloce

  • Guest
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #11 on: 30 Maggio 2011, 10:48:02 »
L'ho scritto da qualche altra parte in questo forum... mi ripeto vista l'occasione. Ho avuto anche io una Sputafuoco 1500.

Il problema del riscaldamento è concreto e si risolve. Ma io ricordo anche un calore insopportabile ai piedi. In pratica la pedaliera è pochi centrimetri dal motore e l'isolamento è forse insufficiente: insomma d'estate era come camminare sui carboni ardenti.

Me ne disfeci, proprio come te jancarlo, per una BMW :) O meglio sono stato costretto a disfarmene, per rottura del cambio, non una ma ben due volte :-/

Non direi che è un'auto affidabile. E' una bella macchinina per fanatici del marchio, ma solo per quelli, perché in realtà nella stessa categoria ce ne sono diverse altre spiderine più pratiche e affidabili, e forse, son gusti, anche più belle.


Offline pago.66

  • Pilota
  • *
  • Posts: 7
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #12 on: 22 Aprile 2013, 18:27:34 »
Ciao NightRider2. Io sono possessore di un Triumph Spitfire 1500. Questo modello è stato prodotto dal 1975 al 1980 ed è l'ultimo modello spitfire costruito, anche per questo secondo me è il piu' affidabile e robusto dei vari modelli precedenti. Potrebbe dare qualche problema di surriscaldamento ( cosi' dicono ) ma facilmente risolvibile come ti hanno gia' detto con una ventola supplementare oppure con radiatore maggiorato ( come ho io ) che si trova nei ricambi a costi accessibilissimi. Io ho fatto dei tratti in colonna ad agosto in autostrada con 38 gradi e non ho avuto nessun problema di surriscaldamento. Per affidabilta' ne ha da vendere e meglio di tante macchine moderne, ovviamente se curata come si deve in manutenzione. Se ti piace il modello fai un ottimo acquisto, se la tieni come unica macchina un po' meno e tanto meno da tenere fuori in strada. Ciao

Offline Gianri

  • Pilota senior
  • ****
  • Posts: 297
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #13 on: 15 Novembre 2013, 17:52:37 »
Ce l'ho è un'auto fantastica,ti riporta indietro nel tempo ma attenzione va tenuta sotto controllo ovvero necessita delle attenzioni che solo un vero appassionato può dedicargli,con un po' di manualità i "tagliandi"li fai da solo,è forse l'ultima vera spyder inglese ma con la linea italiana di Giovanni Michelotti.Credimi comunque è un bel giocattolo ma dopo tanti anni è da escludere l'uso giornaliero alla stregua di una moderna,gli anni passano per tutti e questa vettura è molto retrò o vintage se preferisci e quindi bella per passeggiate e raduni anche lunghi ma niente di più!


Uploaded with ImageShack.us

Offline gianda03

  • Pilota esperto
  • ***
  • Posts: 220
Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #14 on: 18 Novembre 2013, 13:14:35 »
Spitfire 1500, un kart senza freni, discreto motore, molto calda, ma anche molto divertente, affidabilità discreta, ovviamente non da usare tutti i giorni, impagabile nelle sere d'estate, logicamente sempre scoperta.
Bassissima e per  le persone un pò più anziane scomoda, specialmente nel scendere.
Nel complesso a mè piace anche se è qualche anno che non la uso, in quanto bisognosa di un restauro conservativo.

 

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Re: Triumph Spitfire 1500
« Reply #14 on: 18 Novembre 2013, 13:14:35 »