Author Topic: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate  (Read 111145 times)

Offline GT

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 10739
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #135 on: 26 Maggio 2010, 20:23:45 »
Ringostarr se vuoi ti puoi presentare nell'apposita sezione e raccontarci qualcosa di te ;)

Offline ringostarr

  • Pilota
  • *
  • Posts: 3
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #136 on: 26 Maggio 2010, 22:26:02 »
x GT
sono un ragazzo appassionato di auto d'epoca, di roma, dopo aver posseduto e venduto, una gt junior del 72, una fulvia coupe del 74, una nuova super del 78, un maggiolone cabrio del 76, e 2 mini cooper(anni90), adesso possiedo con la mia ragazza una 500 f del 66, e una vespa 50special del 78...sono alla ricerca disperata di una GIULIA SUPER 1.3 (anno 71/73)...
appunto avrei trovato quella radiata di cui parlavo nei post precedenti
ciao a tutti spero rispondiate al mio post precedente a questo

Offline CONCERTO16

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1722
  • Fiat Tipo 1.4 1989
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #137 on: 14 Giugno 2010, 19:12:10 »
Ciao ragazzi,ho letto tutti i post ma ho molta confusione in testa.
Quesito:
sto per acquistare una Honda Accord Aerodeck del 1991 demolita per esportazione,in agenzia mi hanno chiesto 880 euro per reimmatricolarla!!!
Sapete quanto si spende in motorizzazione e qual'è la procedura?
Ringrazio vivamente.

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 3918
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #138 on: 14 Giugno 2010, 23:08:41 »
Se ti garantisce il risultato, lascia fare all'agenzia; con le nuove procedure ancora in corso di validazione rischi di addentrarti in un ginepraio senza senso.
Sono solo 200 euro in più di una normale immatricolazione (es. dagli USA) pre-decreto.
"L'automobile è un prodotto fantastico, ma è adatto ai grandi spazi, alle grandi distanze, è adatto agli Stati Uniti, al Sudamerica, dove la popolazione è molto dispersa" - Giovanni Alberto Agnelli detto Giovannino 1964-1997

Offline GTI79

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 14368
  • Il motore è il cuore dell'auto, il pilota l'anima
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #139 on: 24 Giugno 2010, 09:14:40 »
ATTENZIONE


QUALCUNO STA ADOPERANDO IL PROFILO DI ALCUNI UTENTI PER DESTABILIZZARE IL CORRETTO DIALOGO TRA APPASSIONATI , QUINDI CHIUNQUE RICEVESSE MESSAGGI STRANI E' PREGATO DI FARLO PRESENTE AI MODERATORI O AGLI AMMINISTRATORI PRIMA DI GIUNGERE A CONCLUSIONI AFFRETTATE CREANDO EQUIVOCI O LITI SPIACEVOLI.

I moderatori
 

Offline ydur

  • Pilota
  • *
  • Posts: 1
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #140 on: 12 Settembre 2010, 21:59:23 »
buona sera ho una renaul 5 tl 950 5 marce del 1980 , demolita per export poi tenuta, volevo sapere se era possibile reimmatricolarla .  alle agenzie non mi hanno mai dato informazioni precise ma vaghe.
grazie

Offline Emanuele924

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12964
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #141 on: 13 Settembre 2010, 08:42:43 »
buona sera ho una renaul 5 tl 950 5 marce del 1980 , demolita per export poi tenuta, volevo sapere se era possibile reimmatricolarla .  alle agenzie non mi hanno mai dato informazioni precise ma vaghe.
grazie


Ciao, presentati nell'apposita sezione. Come da regolamento. ;)

http://forum.passioneauto.it/index.php?topic=535.0


Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1501
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #142 on: 10 Gennaio 2013, 17:18:31 »
Salve a tutti,

nell'attesa del carpe diem automobilistico, mi è capitata sotto mano una ISOMOTO 150 Diva in condizioni... beh, c'è da divertirsi ma secondo me non da farsi male...

tipo questa:





Lo scooter è stato radiato d'ufficio, quindi scolasticamente dovrei versare i tre bolli maggiorati del 50% e quindi posso reimmatricolarla con targhe e documenti originali.

Il problema è che lo scooter era del suocero dell'attuale detentore, e mi sembra che la moglie non abbia mai fatto un passaggio di proprietà. Visto che all'atto della reimmatricolazione alla MCTC richiederanno la firma in originale del venditore, secondo voi basterà quella della moglie, erede dello scooter o dovrò avventurarmi in altre grane burocratiche? (voglio fare tutto da solo, senza intermediari strani...)

http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto/veicolo-storico-radiato-dufficio.html


Offline alfatarlo

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 3506
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #143 on: 11 Gennaio 2013, 10:37:53 »
Ciao Manta!

Nel tuo caso, cioè radiazione d'ufficio, sei messo meglio che in altre situazioni in cui ci si può imbattere quando gli intestatari non si trovano, sono vecchi, o proprio non si sanno.
Oltre ai bolli come hai giustamente detto, prima devi fare un "atto" di vendita tra uno (qualsiasi) che si dichiari proprietario del mezzo (che essendo radiato è equiparabile ad una lavatrice vecchia), e te; poi paghi i tre bolli maggiorati a nome tuo, altrimenti succede che reimmatricoli il mezzo a nome dell'ultimo intestatario del libretto. Puoi fare tutto al pra, ma credo sia necessario andiate fisicamente tutti e due, venditore e acquirente, per l'atto. Poi paghi i tre bolli maggiorati e se hai il libretto dovrai solo aspettare il talloncino del nuovo proprietario (tu), mentre il nuovo cdp dovrebbero dartelo seduta stante lì al pra. Se non hai il libretto allora fai denuncia di smarrimento dopo che hai fatto l'atto di vendita, e poi come prima.
Il bello della radiazione d'ufficio è che mantieni le targhe originali.
Per il bollo, se il mezzo ha più di 30 anni (anzi, 33) si intende sempre il minibollo, e non il bollo pieno: attento perchè spesso in passato facevano confusione).

P.S. l'Iso è bello ma anche raro!  ;)
« Last Edit: 11 Gennaio 2013, 10:39:56 by alfatarlo »

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1501
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #144 on: 11 Gennaio 2013, 11:10:51 »
Ciao Manta!

Nel tuo caso, cioè radiazione d'ufficio, sei messo meglio che in altre situazioni in cui ci si può imbattere quando gli intestatari non si trovano, sono vecchi, o proprio non si sanno.

beh, l'intestatario è morto, io ho l'erede che pure lei è vecchia... ;)


P.S. l'Iso è bello ma anche raro!  ;)


Infatti è proprio un'avventura, mi son già scaricato tutti i manuali possibili immaginabili, sono già risalito alla ditta che produceva la tinta e ho i codici dei colori originali...

Adesso manca solo... la ISO!!! :o

Offline balgi

  • Pilota junior
  • **
  • Posts: 52
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #145 on: 11 Gennaio 2013, 17:52:06 »
Premesso che non ho letto tutto il post, vorrei cercare di fare un pò di chiarezza sull'argomento.

Esistono parecchi casi in cui ci si può ritrovare quando si acquista una macchina/moto d'epoca.
I casi più frequenti sono essenzialmente due.

1. Auto/moto radiata d'ufficio: dopo aver acquisito l'estratto cronologico dal Pra competente per targa, bisogna obbligatoriamente iscrivere il veicolo all'Asi o Fmi. Pertanto la macchina/moto dovrà essere messa in condizioni il più possibile originari. Quando si entra in possesso del CRS (certificato di rilevanza storica) si prenota presso la Motorizzazione la visita di revisione unitamente alla pratica di rilascio dell'etichetta riportante i dati del registro storico. Al termine della revisione, con il libretto, il vecchio foglio complementare e copia del Crs ci si reca al Pra (oppure presso un'agenzia di pratiche autom,). Qui una persona (chiunque) si dichiara proprietario non intestatario del veicolo e firma la vendita a favore del nuovo proprietario.
Costo circa: 120 euro + il 50% di tre bolli + 45 per revisione Mctc + 9 + 14,62 per etichetta Mctc + eventuale onorario agenzia se non si va al Pra

2 Auto/moto radiata del demolizione, ritiro aree private: la stessa trafila, cambia solo che alla Motorizzazione bisogna versare 45 + 29,24 + importo targa e non si pagano i tre bolli etc etc

Nota: la Motorizzazione competente è quella dove ha sede la ditta che, in sede di rilascio del CRS, ha dichiarato che i lavori di ripristino sono stati effettuati a regola d'arte.

Spero di essere stato chiaro, se avete domande chiedetemi...!!!!
Marco
Triumph Spitfire MkIII-Renault 21 2l turbo-Fiat 124 III serie-Moto Guzzi Airone 250 sport

Offline alfatarlo

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 3506
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #146 on: 12 Gennaio 2013, 12:58:57 »
Per essere ancora più chiari:
http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto/veicolo-storico-radiato-dufficio.html

Da quel che mi risulta, le radiate d'ufficio (caso in questione) NON necessitano della visita di collaudo (la targa già ce l'hanno, e pertanto sono già iscritte alla mc). L'iscrizione asi-fmi e altri credo che sia diventata una prassi per chi frequenta forum di auto storiche, sia per il bollo, sia per l'assicurazione, per cui non l'ho specificato, ma hai fatto bene a ricordarlo. Dopo la reiscrizione al pra (ripeto, le radiate d'ufficio restano sempre inserite alla mc) si dovrà ovviamente fare la revisione se si vuol circolare, ma in una qualsiasi officina e non necessariamente un collaudo alla mc.

@Manta: un mio amico lambrettista ha il problema inverso del tuo: ha un'Iso Isetta, ma non un Iso moto!

Offline il Manta

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1501
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #147 on: 12 Gennaio 2013, 14:00:44 »

@Manta: un mio amico lambrettista ha il problema inverso del tuo: ha un'Iso Isetta, ma non un Iso moto!

Io non ho nessuna delle due, l'ho adocchiata e spero che il proprietario ceda alle mie avances...


Quanto dovrà pagare di bollo per la "Diva"?

Offline balgi

  • Pilota junior
  • **
  • Posts: 52
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #148 on: 12 Gennaio 2013, 16:00:01 »
Per essere ancora più chiari:
http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto/veicolo-storico-radiato-dufficio.html

Da quel che mi risulta, le radiate d'ufficio (caso in questione) NON necessitano della visita di collaudo (la targa già ce l'hanno, e pertanto sono già iscritte alla mc). L'iscrizione asi-fmi e altri credo che sia diventata una prassi per chi frequenta forum di auto storiche, sia per il bollo, sia per l'assicurazione, per cui non l'ho specificato, ma hai fatto bene a ricordarlo. Dopo la reiscrizione al pra (ripeto, le radiate d'ufficio restano sempre inserite alla mc) si dovrà ovviamente fare la revisione se si vuol circolare, ma in una qualsiasi officina e non necessariamente un collaudo alla mc.

@Manta: un mio amico lambrettista ha il problema inverso del tuo: ha un'Iso Isetta, ma non un Iso moto!

Mi spiace contrddirti ma la revisione e' assolutamente da fare in Motorizzazione, unitamente all'annotazione di iscrizione al registro storico.

Ciao
Marco
Triumph Spitfire MkIII-Renault 21 2l turbo-Fiat 124 III serie-Moto Guzzi Airone 250 sport

Offline Spaider

  • Pilota
  • *
  • Posts: 10
Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #149 on: 12 Gennaio 2013, 18:44:42 »
Forse dico una cretinata .. :) :)
Ma, nel caso di acquisto di un'auto radiata d'ufficio, come faccio ad iscriverla all'ASI se non ho prima completato il passaggio di proprietà?

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Re: Reimmatricolazione auto radiate/rottamate
« Reply #149 on: 12 Gennaio 2013, 18:44:42 »