Author Topic: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "  (Read 24072 times)

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12433
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #15 on: 31 Ottobre 2012, 11:31:22 »
Cekk, mi spiace ma non sono completamente d'accordo con te: all'estero non lo so, ma qui in Italia credo che di Ypsilon, Musa e Delta se ne vedano in giro davvero tante e poi basta  dare un'occhiata alle pubblicità per capire che il messaggio voluto è quello di un marchio chic e non destinato alla massa, quindi è normale non aspettarsi vendite numericamente paragonabili a Fiat o altri marchi per così dire più popolari.

Hai ragione di certi modelli se ne vedono in giro ma è roba già venduta! Non dimentichiamoci che le lancia sono ormai da una trentina di anni fiat ricarrozzate e sul marchio non si è mai investito in un prodotto nuovo ad eccezione di libra e thesis discutibili, ma il problema alla fine è sempre la cattiva gestione.        Fiat rilevo' il marchio pagando "UNA LIRA" potessimo noi appassionati almeno rilevare il marchio non gli stabilimenti per un euro a testa?
Solo per avere il privilegio di utilizzarlo sulla carta intestata, non occorre produrre per mantenerlo!
Inizio a vaneggiare........ lo so  ::)
Ma non credo sia un idea tanto utopica, basta un atto alla camera di commercio e una sede legale......... vabbe
svegliaaaaaaaaaaaaa che è meglio  ::)
soliti problemi di foto

Offline valetri75

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 2939
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #16 on: 31 Ottobre 2012, 11:39:59 »
Non dimentichiamoci che le lancia sono ormai da una trentina di anni fiat ricarrozzate e sul marchio non si è mai investito in un prodotto nuovo ad eccezione di libra e thesis discutibili, ma il problema alla fine è sempre la cattiva gestione.

Purtroppo hai pienamente ragione :(

Offline 75 1.6 carburatori

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1337
  • "Why drive a car when you can drive a legend?"
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #17 on: 31 Ottobre 2012, 11:51:45 »
Hai ragione di certi modelli se ne vedono in giro ma è roba già venduta! Non dimentichiamoci che le lancia sono ormai da una trentina di anni fiat ricarrozzate e sul marchio non si è mai investito in un prodotto nuovo ad eccezione di libra e thesis discutibili, ma il problema alla fine è sempre la cattiva gestione.        Fiat rilevo' il marchio pagando "UNA LIRA" potessimo noi appassionati almeno rilevare il marchio non gli stabilimenti per un euro a testa?
Solo per avere il privilegio di utilizzarlo sulla carta intestata, non occorre produrre per mantenerlo!
Inizio a vaneggiare........ lo so  ::)
Ma non credo sia un idea tanto utopica, basta un atto alla camera di commercio e una sede legale......... vabbe
svegliaaaaaaaaaaaaa che è meglio  ::)

Quotone!!! ;)
“ L’Alfa non è una semplice fabbrica di automobili. Le sue auto sono qualcosa di più che automobili costruite in maniera convenzionale. E’ una specie di malattia, l’entusiasmo per un mezzo di trasporto. E’ un modo di vivere, un modo tutto particolare di concepire un veicolo a motore. "

Jagitalia

  • Guest
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #18 on: 31 Ottobre 2012, 12:07:37 »
io non concordo: a me Marchionne piace, e vorrei ricordare che ha salvato capra e cavoli, ha comprato una casa automobilistica di pari grandezza e che adesso è la salvezza della compratrice, e purtroppo non è riuscito a comprare la terza casa (opel) che avrebbe fatto superare la grandezza critica per restare relativamente tranquilli.

Lancia è stata distrutta decenni fa, lui non fa altro che prendere atto della situazione. E dovendo investire, non avendo portafoglio infinito, scegli marchi più noti sui mercati che adesso comprano. Non capisco cosa ci sia di male ADESSO. La questione di cuore, ricordi, storia ecc, se n'era già andata a farsi benedire molto tempo fa, e comunque riguarda gli appassionati, non certo un'azienda internazionale che è li per fare un altro mestiere...

Offline 75 1.6 carburatori

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1337
  • "Why drive a car when you can drive a legend?"
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #19 on: 31 Ottobre 2012, 13:33:33 »
io non concordo: a me Marchionne piace, e vorrei ricordare che ha salvato capra e cavoli, ha comprato una casa automobilistica di pari grandezza e che adesso è la salvezza della compratrice, e purtroppo non è riuscito a comprare la terza casa (opel) che avrebbe fatto superare la grandezza critica per restare relativamente tranquilli.

Lancia è stata distrutta decenni fa, lui non fa altro che prendere atto della situazione. E dovendo investire, non avendo portafoglio infinito, scegli marchi più noti sui mercati che adesso comprano. Non capisco cosa ci sia di male ADESSO. La questione di cuore, ricordi, storia ecc, se n'era già andata a farsi benedire molto tempo fa, e comunque riguarda gli appassionati, non certo un'azienda internazionale che è li per fare un altro mestiere...

Jag condivido in più punti la tua visione "aziendale" della situazione, ma comunque resta il fatto che un marchio come LANCIA nn dovrebbe sparire ma bisognerebbe salvarlo cercando di produrre veicoli più competitivi.... idem comparato per Alfa ... inglobare altri marchi non serve se non per il solo fine Affaristico...cosa pensi succederebbe se in inghilterra la Jaguar venisse cancellata perchè negli ultimi ventenni il marchio non riusciva più ad essere ai livelli di una volta?...io penso i brittannici farebbero un bel casino. una volta anche chi costruiva auto cercava di prevalere sul mercato tramite la qualità ed originalità ora invece e tutto uguale!!
« Last Edit: 31 Ottobre 2012, 13:35:07 by 75 1.6 carburatori »
“ L’Alfa non è una semplice fabbrica di automobili. Le sue auto sono qualcosa di più che automobili costruite in maniera convenzionale. E’ una specie di malattia, l’entusiasmo per un mezzo di trasporto. E’ un modo di vivere, un modo tutto particolare di concepire un veicolo a motore. "

Offline galimba

  • Pilota junior
  • **
  • Posts: 91
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #20 on: 31 Ottobre 2012, 13:52:09 »
VW ha comprato e rilanciato Skoda, ad esempio, Fiat sta facendo morire i suoi marchi ricchi di storia;
poi VW non sa più come produrre le sue auto ( in buona parte grazie ai mercati dell'est), Fiat continua a perdere quote di mercato...
mah

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12433
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #21 on: 31 Ottobre 2012, 13:58:13 »
io non concordo: a me Marchionne piace, e vorrei ricordare che ha salvato capra e cavoli, ha comprato una casa automobilistica di pari grandezza e che adesso è la salvezza della compratrice, e purtroppo non è riuscito a comprare la terza casa (opel) che avrebbe fatto superare la grandezza critica per restare relativamente tranquilli.

Lancia è stata distrutta decenni fa, lui non fa altro che prendere atto della situazione. E dovendo investire, non avendo portafoglio infinito, scegli marchi più noti sui mercati che adesso comprano. Non capisco cosa ci sia di male ADESSO. La questione di cuore, ricordi, storia ecc, se n'era già andata a farsi benedire molto tempo fa, e comunque riguarda gli appassionati, non certo un'azienda internazionale che è li per fare un altro mestiere...

Sull'apetto aziendale e di marketing molte osservazioni sono giuste per carità, capisco bene che con la passione e il cuore le aziende non capitalizzano e che i problemi lancia siano un eredità del passato. Vero anche che sugli accordi presi tra marchionne barack..... non se ne sà nulla e che il salvataggio della crysler comporta un prezzo da pagare e non sappiamo ancora quale. Qui non si parla d'altro e proprio poco fa parlando a telefono con un amico molto molto vicino al mondo fiat, ha confermato che l'engeenerin e la progettazzione sono fermi da mesi e che da fonti autorevoli è certo che tutto il gruppo a sto punto crysler-fiat, poco a poco lascerà il panorama automobilistico. Ormai è chiaro che si fa cassa o finaza, come si voglia per raschiare quel che rimane perchè anche se un buon amministratore, questo signore di automobili non capisce un emerito....! Ovviamente lo spunto della discussione era finalizzato alla rottamazione di un marchio che ha fatto storia ma non è detto che non avrebbe potuto continuare a farla ma occorrono le persone capaci e con una visione piu' ampia dei fenomeni. Quando sento che certe auto sono scadenti per colpa dell'operaio che lavora in linea, sinceramente non lo accetto. Poi restano da porsi altri quesiti, il mancato accordo GM, il fallimento del progetto psa e la chiusura di tanti stabilimenti minori del gruppo, vedi iribus ed altri.
Probabilmente alla opel come ad altri colossi qualcosa non quadrava, mentre crysler era alla bancarotta altrimenti le cose sarebbero andate in modo diverso. Non è una novità qui a torino che l'unico ad avere a cuore il progetto automobile era l'avvocato, dopo di lui la famiglia aveva già un disegno preciso. Marchionne fa il lavoro sporco alla fine
soliti problemi di foto

Offline Hermes77

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 835
  • Ma le "ventenni" Mandorlate perché non attirano?
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #22 on: 31 Ottobre 2012, 14:02:42 »
Se la vendessero a 1 euro a un finanziatore straniero, cinese, romulano, del pianeta Mongo farebbe un favore. I soldi hanno un padrone, la storia è di tutti!
Se ti alzi ed osservi il mondo sei già a metà dell'opera. La completi quando ti avvicini al tuo sogno.

Offline Mr_V

  • Pilota senior
  • ****
  • Posts: 313
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #23 on: 31 Ottobre 2012, 14:07:23 »
Sull'apetto aziendale e di marketing molte osservazioni sono giuste per carità, capisco bene che con la passione e il cuore le aziende non capitalizzano e che i problemi lancia siano un eredità del passato. Vero anche che sugli accordi presi tra marchionne barack..... non se ne sà nulla e che il salvataggio della crysler comporta un prezzo da pagare e non sappiamo ancora quale. Qui non si parla d'altro e proprio poco fa parlando a telefono con un amico molto molto vicino al mondo fiat, ha confermato che l'engeenerin e la progettazzione sono fermi da mesi e che da fonti autorevoli è certo che tutto il gruppo a sto punto crysler-fiat, poco a poco lascerà il panorama automobilistico. Ormai è chiaro che si fa cassa o finaza, come si voglia per raschiare quel che rimane perchè anche se un buon amministratore, questo signore di automobili non capisce un emerito....! Ovviamente lo spunto della discussione era finalizzato alla rottamazione di un marchio che ha fatto storia ma non è detto che non avrebbe potuto continuare a farla ma occorrono le persone capaci e con una visione piu' ampia dei fenomeni. Quando sento che certe auto sono scadenti per colpa dell'operaio che lavora in linea, sinceramente non lo accetto. Poi restano da porsi altri quesiti, il mancato accordo GM, il fallimento del progetto psa e la chiusura di tanti stabilimenti minori del gruppo, vedi iribus ed altri.
Probabilmente alla opel come ad altri colossi qualcosa non quadrava, mentre crysler era alla bancarotta altrimenti le cose sarebbero andate in modo diverso. Non è una novità qui a torino che l'unico ad avere a cuore il progetto automobile era l'avvocato, dopo di lui la famiglia aveva già un disegno preciso. Marchionne fa il lavoro sporco alla fine

E quali potrebbero essere, secondo i più informati, gli sviluppi? Ovvero su quali progetti/strade potrebbe puntare Il gruppo Chrysler-Fiat?

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12433
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #24 on: 31 Ottobre 2012, 14:10:38 »
Se la vendessero a 1 euro a un finanziatore straniero, cinese, romulano, del pianeta Mongo farebbe un favore. I soldi hanno un padrone, la storia è di tutti!

Sono certo che un qualunque imprenditore di una qualunque nazionalità o galassia non butterebbe tutto alle ortiche.

Provate a immaginare se dovessero rottamare il marchio ferrari, non dimentichiamo che con lamborghini ci è mancato poco ma con de tomaso ci sono riusciti ........ colpa degli operaiacci di grugliasco, non facevano bene le macchine!!!!!


E quali potrebbero essere, secondo i più informati, gli sviluppi? Ovvero su quali progetti/strade potrebbe puntare Il gruppo Chrysler-Fiat?


Ovviamente salvare chi ci ha messo i soldi e le promesse al presidente usa si mantengono!
soliti problemi di foto

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #25 on: 31 Ottobre 2012, 14:23:18 »
Sfortunatamente secondo me la Lancia all'estero è "affondata" commercialmente negli anni 80. Mentre le Delta vincevano nei rally e nei cuori degli automobilisti italiani (la mia prima auto, una Delta LX non la scorderò mai), arrugginivano sui piazzali dei concessionari di tutta Europa, Gran Bretagna in testa. Dovettero ritirare la marca dal mercato sia per problemi di corrosione che di affidabilità. Alla fine passavano per essere già all'epoca delle Fiat "rimarchiate" e più costose, ma senza una qualità tale da giustificare la differenza di prezzo.

Purtroppo la stessa operazione l'ha fatta la Volkswagen con l'Audi ma con altri risultati... Non che io apprezzi la marca dei 4 anelli però è fuori discussione che in quanto a qualità (percepita più che reale) e prestazioni la sostanza ci sia...Attualmente Marchionne risponde al suo datore di lavoro che sono gli eredi della famiglia. A John Elkann e agli azionisti credo importi lo stacco della cedola o il dividendo a fine esercizio, e in questo l'uomo del maglione alla fine è stato il migliore degli ultimi 30 anni.
Mi spiace per la memoria del sig. Vincenzo e mi fa ulteriore rabbia (o derisione, dipende) sapere che la Ford ha deciso di offrire agli appassionati americani addirittura la riproduzione ufficiale di una scocca del 39-40 per farne degli hot-rod, un'altra testimonianza del fatto che questo paese è (da sempre) del tutto miope verso i propri appassionati di auto...(O/T vedasi i prezzi dei ricambi d'epoca quasi mai riprodotti in serie ma solo a prezzi da furto. End O/T.)

@Cekk, sai che ho avuto anch'io tempo fa quella indiscrezione? Nei piani della famiglia, il settore auto è stato scorporato appositamente dalla "Industrial", risanato e reso appetibile per una rivendita. La crisi ci ha messo del suo a dilatare i tempi, ma credo che il destino sia quello. Probabilmente arriverà qualcuno col grano "vero" tipo Ratan Tata o un cinese e si porterà a casa tutto il pacchetto Fiat-Chrysler con una gamma adatta a mercati "vivi". Forte in USA grazie alla tradizione Jeep + Chrysler e forte in Brasile, pronto a sbarcare in Cina grazie ad una nuova rete commerciale. Che volere di più?  :(
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline 5turbo

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 9515
  • I'm a highway star!
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #26 on: 31 Ottobre 2012, 14:33:33 »
Sono certo che un qualunque imprenditore di una qualunque nazionalità o galassia non butterebbe tutto alle ortiche.

Provate a immaginare se dovessero rottamare il marchio ferrari, non dimentichiamo che con lamborghini ci è mancato poco ma con de tomaso ci sono riusciti ........ colpa degli operaiacci di grugliasco, non facevano bene le macchine!!!!!



Ovviamente salvare chi ci ha messo i soldi e le promesse al presidente usa si mantengono!
;)

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12433
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #27 on: 31 Ottobre 2012, 14:49:44 »


@Cekk, sai che ho avuto anch'io tempo fa quella indiscrezione? Nei piani della famiglia, il settore auto è stato scorporato appositamente dalla "Industrial", risanato e reso appetibile per una rivendita. La crisi ci ha messo del suo a dilatare i tempi, ma credo che il destino sia quello. Probabilmente arriverà qualcuno col grano "vero" tipo Ratan Tata o un cinese e si porterà a casa tutto il pacchetto Fiat-Chrysler con una gamma adatta a mercati "vivi". Forte in USA grazie alla tradizione Jeep + Chrysler e forte in Brasile, pronto a sbarcare in Cina grazie ad una nuova rete commerciale. Che volere di più?  :(

Riconosco che sarei un pessimo imprenditore, infatti lavoro per gli altri ma vivo come noi tutti il mondo dell'auto stando dalla parte del volante ma con un occhio al retrovisore che non guasta! La notizia di oggi la trovo irritante non solo per un irriverenza alla storia, anche se con la storia non si mangia! Trovo scostante l'atteggiamento di dire e non dire, cambiare le carte in tavola in corso d'opera e pretendere di esser l'ago della bilancia di un economia tutta italiota che non funziona piu' come un tempo, credo si sia capito a cosa alludo. Riguardo i piani industriali si sà in parte qualcosa da fonti autorevoli ed alcune le conosco. Inutile ribadire che l'operazione usa fatta nel 2009 è una tecnica già collaudata per altre aqquisizioni, con la differenza che gli americani non li freghi. In patica hanno"rilevato" crysler con i soldi della crysler, non è difficile capirlo ma il prezzo da pagare è stato stabilito a priori e sarà alto per la nostra economia. A detroit si produce, si innova e sopratutto non si licenzia nessuno ed il famoso accordo col piano per l'italia la dice lunga, basta leggere quanto scritto all'ora. Sui problemi tecnici dell'epoca, delle lancia marce e lo sputtanamento all'estero non torno, purtroppo è accaduto come l'uscita del gruppo dal mercato usa negli anni 90 e tante altre scelte che di alta imprenditoria non avevano nulla. Quando ripercorro la storia della ww ed osservo gli ultimi 30/40 anni mi rendo davvero conto di quanti treni si son persi e di quante buone occasioni son state mandate alle ortiche in casa nostra. Credo che sia proprio come dare perle ai porci e non oso immaginare cosa avrebbero fatto altri gruppi se avessero avuto per le mani certi nomi. Ricordo che anche seat era del gruppo e fino alla fine produceva ciofeche.......... guarda oggi cos'è diventata seat! Purtroppo anche sforzandomi non riuscirei ad essere un buon imprenditore mi dispiace!
soliti problemi di foto

Jagitalia

  • Guest
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #28 on: 31 Ottobre 2012, 14:59:21 »
Jag condivido in più punti la tua visione "aziendale" della situazione, ma comunque resta il fatto che un marchio come LANCIA nn dovrebbe sparire ma bisognerebbe salvarlo cercando di produrre veicoli più competitivi.... idem comparato per Alfa ... inglobare altri marchi non serve se non per il solo fine Affaristico...cosa pensi succederebbe se in inghilterra la Jaguar venisse cancellata perchè negli ultimi ventenni il marchio non riusciva più ad essere ai livelli di una volta?...io penso i brittannici farebbero un bel casino. una volta anche chi costruiva auto cercava di prevalere sul mercato tramite la qualità ed originalità ora invece e tutto uguale!!

anche io sono molto dispiaciuto, tra l'altro io ho sempre considerato lancia la jaguar italiana.. e poi immancabilmente quando vediamo le lancia del passato, ciascuno di noi si guarda sospira e dice "pensa cosa facevamo una volta", ma il punto è proprio qui... "una volta" e non è certo colpa di Marchionne; ai tempi nostri e con i soldi che ci ritroviamo hai voglia a rilanciare un marchio...

il tuo esempio sull'inghilterra è azzeccato, ma anche qui io la penso diversamente; ad esempio, quello che dici è successo con MG: guarda che brutta fine ha fatto... i cinesi hanno prodotto quella specie di segmento b... però l'inghilterra è uno dei paesi in europa che produce più automobili, cioè hanno fatto proprio quello che dici: se ne sono fregati - pur con i mal di pancia - della storia e hanno puntato all'industria... anche io di indole sono romantico, ma allo stesso tempo so che non posso delegare il romanticismo agli industriali..

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 12433
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #29 on: 31 Ottobre 2012, 15:02:28 »
anche io sono molto dispiaciuto, tra l'altro io ho sempre considerato lancia la jaguar italiana.. e poi immancabilmente quando vediamo le lancia del passato, ciascuno di noi si guarda sospira e dice "pensa cosa facevamo una volta", ma il punto è proprio qui... "una volta" e non è certo colpa di Marchionne; ai tempi nostri e con i soldi che ci ritroviamo hai voglia a rilanciare un marchio...

il tuo esempio sull'inghilterra è azzeccato, ma anche qui io la penso diversamente; ad esempio, quello che dici è successo con MG: guarda che brutta fine ha fatto... i cinesi hanno prodotto quella specie di segmento b... però l'inghilterra è uno dei paesi in europa che produce più automobili, cioè hanno fatto proprio quello che dici: se ne sono fregati - pur con i mal di pancia - della storia e hanno puntato all'industria... anche io di indole sono romantico, ma allo stesso tempo so che non posso delegare il romanticismo agli industriali..


Ecco, è qui che ti volevo........  ;)
soliti problemi di foto

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Re: Un delitto a Torino: "ammazzato un altro pezzo di storia "
« Reply #29 on: 31 Ottobre 2012, 15:02:28 »