Author Topic: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca  (Read 11826 times)

Offline MetStingray

  • Pilota
  • *
  • Posts: 31
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #15 on: 14 Gennaio 2013, 13:22:04 »
Sto imparando molto! Grazie!

Offline Giacomo A.

  • Pilota junior
  • **
  • Posts: 97
    • Auto Classiche
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #16 on: 11 Luglio 2013, 22:28:46 »
Magari è scontato, ma ove possibile è sempre consigliabile "incrociare" i dati di telaio e motore per avere conferma che l'auto sia conforme alle specifiche originali. Per certe marche, le inglesi e la nostra Alfa Romeo in primis, è possibile contare su un utilissimo archivio storico che toglie ogni dubbio.

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #17 on: 12 Luglio 2013, 08:03:02 »
Si è vero, la stessa cosa anche per le auto di produzione americana per le quali le codifiche di produzione erano previste già negli anni Trenta.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline rana

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1903
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #18 on: 23 Dicembre 2013, 17:18:35 »
Qualcuno mi spiega meglio la verifica dei passaruota ?

Offline S4

  • Pilota
  • *
  • Posts: 24
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #19 on: 26 Marzo 2014, 14:46:00 »
Anche se non ha avuto tanti proprietari può essere ovviamente un segno positivo.. e cmq guardare sempre tutti i documenti..

io sapevo che il numero di proprietari è importante perchè se questo fosse alto sarebbe sintomo di un'auto piuttosto "strapazzata" da ognuno, o anche che ha avuto diversi passaggi di mano poiché ha qualche difetto nascosto che nessuno è riuscito a risolvere.
Mi confermate, che sia così, o ci sono anche altre spiegazioni?

Offline Frosty the snowman

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 3022
  • non si dice cabrio, si dice convertibile...
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #20 on: 26 Marzo 2014, 14:53:50 »
Non è detto. Alcune tipologie di auto, per esempio le spider e in genere le auto di nicchia, passavano molti proprietari in periodo d'uso proprio per la loro tipologia. Es. uno si comprava la spider in primavera, si faceva la stagione e in inverno la rivendeva, magari per comprarsi una moto, così da avere un giocattolo nuovo per l'estate successiva.
Sulle auto "da famiglia" invece la permanenza nelle stesse mani può far pensare ad una manutenzione più accurata, ma non è matematico.
Per esempio gli inglesi negli annunci spesso scrivono "one lady owner" per rafforzare l'idea che l'auto ha avuto cure amorevoli dall'unica proprietaria. Da noi viene spontaneo pensare il contrario...
l'automobile non è un mezzo di trasporto, ma una compagna di viaggio

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #21 on: 26 Marzo 2014, 15:13:30 »
Già, tipo il vecchietto con la Panda uniproprietario da 15.000 km, come nuova! Peccato che li ha fatti tutti IN PRIMA... MIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII! A TUONO motore a 9.000 giri... ahahahah come se ne avesse fatti 300.000 :D :D :D
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline biorgen

  • Pilota
  • *
  • Posts: 7
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #22 on: 23 Ottobre 2014, 11:22:46 »
Io penso che le valutazioni di un auto d'epoca devo essere fatti da rivenditori in questo settore di automobile. Ad ogni modo penso che le occasioni si trovano solo tra privati che non conoscono spesso il vero valore di un'auto d'epoca e che vogliono solo disfarsi della vettura.

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #23 on: 23 Ottobre 2014, 12:32:31 »
Io penso che le valutazioni di un auto d'epoca devo essere fatti da rivenditori in questo settore di automobile.

Si ma non ti credere, sono soprattutto i commercianti ad aver distorto il mercato. Poi i privati hanno abboccato e gli sono andati dietro.

Ora, posso capire le Porsche 911 dato che c'è un delirio a livello mondiale, ma chi ha tirato su le Fiat Dino coupè verso quota 25-30.000 euro sono stati un paio di avvoltoi che dopo averne restaurate un paio comprate a peso e essersi accorti di aver sforato di brutto hanno pensato di rimetterle in vendita a cifre folli.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline biorgen

  • Pilota
  • *
  • Posts: 7
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #24 on: 23 Ottobre 2014, 22:03:59 »
Si ma non ti credere, sono soprattutto i commercianti ad aver distorto il mercato. Poi i privati hanno abboccato e gli sono andati dietro.
Questo e' vero. Mi chiedo come e' possibile che le riviste di settore non abbiano potuto bloccare questa distorsione del mercato o fare in modo che non si arrivasse a quotazioni eccessive?! In effetti io mi chiedo che sebbene siamo in un libero mercato, i controlli dei prezzi ci dovrebbero essere!

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 5344
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #25 on: 24 Ottobre 2014, 07:59:41 »
Le riviste fanno quello che possono, le loro quotazioni sono indicative prive dell'autorità ad esempio che ha NADA Guides in America. Poi ci sono le solite eccezioni all'italiana: misteriosamente le Alfa, le Abarth, o semplicemente la Fiat 124 che ho ammuffita in garage siccome E'MMMIAAA devono valere il quadruplo di Ruoteclassiche solo perchè all'ultima asta di Miami un cretino ha pagato 65.000 dollari per una 600 Multipla piena di stucco...

Invece le inglesi (Triumph, MG, Jaguar) "vanno bene così"... mah  ::)

Ergo, le macchine belle sono sempre meno causa fuga all'estero, internet è pieno di paccottiglia spacciata per tesori, le fiere hanno prezzi gonfiati nella speranza che abbocchi il tedescone di turno pieno di grano. Vedremo a Padova domenica... ti saprò dire.

Gli unici posti dove oggi si può vivere questa passione in Europa sono l'Olanda e i paesi scandinavi per le americane e Inghilterra e Francia per le europee, con l'inconveniente della ruggine in UK...

L'italia ormai è morta anche da questo punto di vista.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline rana

  • Gentleman driver
  • *****
  • Posts: 1903
Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #26 on: 24 Ottobre 2014, 18:25:17 »
Vero torno ora da Padova prezzi da fuori di testa e molti turisti, ad onor del vero c'è qualche commerciante con la testa sulle spalle, 9k per una Manta, poi 44k non ricordo cosa forse un alfa scalino 1300 o giù di li, mi sono quai capottato  ;D Per la Miura bianca che online chiede 2000k li ne voleva 700k di meno ma secondo me era il classico prezzo da scalpore dato che aveva pure la carrozzeria sporca.....

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche

Re: Valutazione delle condizioni delle auto d'epoca
« Reply #26 on: 24 Ottobre 2014, 18:25:17 »