nivolare.com

Autore Topic: Blocco della circolazione in Provincia di Torino  (Letto 14690 volte)

Offline Contecassius

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 705
Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« il: 28 Settembre 2018, 19:58:46 »
Ciao a Tutti, cosa ne pensate della recente ordinanza della Città Metropolitana di Torino (ex Provincia di Torino) con la quale - tra le altre cose - verrà vietato, dal 01/10/2018, ai veicolo Euro 0 di Circolare?

Oggi è uscito il Decreto del Vicesindaco della Città Metropolitana, per cui, se fino ad ieri non vi era ancora un "documento ufficiale", oggi non è più così.
Qua trovate il testo integrale del Decreto:

 http://www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2018/qualita_aria/

La Città di Torino ha già pubblicato la sua Ordinanza cittadina che ricalca in gran parte il Decreto della Città Metropolitana:

http://www.comune.torino.it/


Il Forum di Passioneauto.it

Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« il: 28 Settembre 2018, 19:58:46 »

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #1 il: 28 Settembre 2018, 21:18:04 »
Premesso che il blocco totale della circolazione di un mezzo privato, non mi pare sia consentito dalle normative europee se non con un congruo incentivo economico per l'acquisto di un mezzo meno inquinante,da parte dell'amministrazione pubblica.
 
Sono sempre stato scettico verso queste classificazioni che, determinate in una situazione virtuale, portate nel mondo reale danno risultati decisamente diversi e sempre, peggiori di quelli promessi(vedi dieselgate)

Penso che scelte così drastiche in un periodo storico,da 10 anni,economicamente così difficile, nascondano giganteschi interessi del settore automobilistico e che siano quindi,come sempre, totalmente disinteressate alla situazione reale delle famiglie italiane.
Non a caso da alcuni mesi viene sempre più spesso proposto l'affitto dell'auto(psicologicamente di minore impatto economico) e non l'acquisto.

Riassumendo pare evidente che,come sempre accade, le istituzioni viaggino su un binario virtuale senza volersi relazionare con la situazione reale.

Trovo particolarmente bizzarro(per non scrivere becero) vietare la circolazione alle Euro 0 con doppia alimentazione(GPL o metano) e lasciar circolare liberamente mezzi pesanti,pubblici(autobus) e privati(autocarri) diesel con emissioni insostenibili.

Tutto questo senza tenere conto di quanto sia debole, nella provincia, il supporto del servizio pubblico.

Al solito grandi interessi molto inquinanti(vedi la cessione dell'Ilva senza un piano di risanamento delle emissioni, celebrata come un successo dal governo) vengono esentati da ogni limitazione mentre il privato deve soggiacere a costrizioni che possono far fallire in poco tempo il proprio bilancio familiare.

Sono da sempre ostile all'acquisto di un'auto nuova(penso che sia uno dei peggiori investimenti possibili) e, ancora di più, in questi ultimi 10 anni,con la presenza sempre più massiccia di elettronica  ad "obsolescenza programmata".
Una soluzione possibile è quella di installare un impianto a gas su una Euro 1-2, acquistabile a prezzo "politico" e, con grande probabilità, libera di circolare ancora per un po' di anni.
In tutto questo, non dimentichiamo quale sarà l'impatto inquinante di migliaia di auto che si affacceranno al cancello dei demolitori. >:(

La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6164
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #2 il: 29 Settembre 2018, 08:03:31 »
Io mi asterrei dal commentare una qualsiasi legge, dichiarazione, ordinanza eccetera che esordisca con la seguente frase:
"Dato atto che, a seguito della consultazione elettorale tenutasi nel giorni 5 giugno e 19 giugno 2016, Chiara Appendino è stata proclamata il 30 giugno 2016 SINDACA della città..."

ma andate a lavorare in fabbrica....  >:( >:( >:(

Questa è la troiata più grande di tutte (Deroghe):

veicoli
di  interesse  storico  e  collezionistico
di cui all’art. 60 del codice della strada
iscritti agli appositi registri, solo per la partec
ipazione a manifestazioni indette dalle
Associazioni o per recarsi presso officine e centri
 autorizzati al fine di effettuare la
revisione o la rottamazione del veicolo purché muni
ti di dichiarazione sostitutiva di
atto  di  notorietà  (dichiarazione)  redatta  su  carta
intestata  della  ditta  che  effettua
l’intervento e sottoscritta dal titolare indicante
data e ora dell’appuntamento e la targa
del veicolo; tali veicoli, quando in uscita da offi
cine e/o centri di revisione autorizzati,
dovranno essere accompagnati dalla fattura comprova
nte l’avvenuta erogazione della
fornitura/servizio  da  parte  dell’azienda  interessat
a  (accompagnati  da  idonea
documentazione).

Cioè faccio una revisione con appuntamento (autorizzato), vado al raduno (autorizzato), ho un guasto e la devo portare dal meccanico (non autorizzato, serve un carro attrezzi), voglio prendere un aperitivo in centro con gli amici delle storiche (non autorizzato, non posso nemmeno uscire di casa), mi incazzo e decido di rottamarla (autorizzato).

Di fronte a cotanta becera ignoranza io spero solo una cosa, ma non la scrivo.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Il Forum di Passioneauto.it

Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #2 il: 29 Settembre 2018, 08:03:31 »
nivolare.com

Offline valetri75

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3425
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #3 il: 29 Settembre 2018, 08:19:01 »
E in tutto questo, ASI, ACI Storico ecc... invece di autocelebrarsi che fanno?

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #4 il: 29 Settembre 2018, 09:53:21 »
ma andate a lavorare in fabbrica....  >:( >:( >:(
ormai sei fuori tempo anche tu:le fabbriche(quelle vere,reali "di una volta") sono in via d'estinzione  :'(
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline Frosty the snowman

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3315
  • non si dice cabrio, si dice convertibile...
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #5 il: 29 Settembre 2018, 14:10:37 »
(Deroghe):

veicoli
di  interesse  storico  e  collezionistico
di cui all’art. 60 del codice della strada
iscritti agli appositi registri, solo per la partec
ipazione a manifestazioni indette dalle
Associazioni o per recarsi presso officine e centri
 autorizzati al fine di effettuare la
revisione o la rottamazione del veicolo purché muni
ti di dichiarazione sostitutiva di
atto  di  notorietà  (dichiarazione)  redatta  su  carta
intestata  della  ditta  che  effettua
l’intervento e sottoscritta dal titolare indicante
data e ora dell’appuntamento e la targa
del veicolo; tali veicoli, quando in uscita da offi
cine e/o centri di revisione autorizzati,
dovranno essere accompagnati dalla fattura comprova
nte l’avvenuta erogazione della
fornitura/servizio  da  parte  dell’azienda  interessat
a  (accompagnati  da  idonea
documentazione).

Cioè faccio una revisione con appuntamento (autorizzato), vado al raduno (autorizzato), ho un guasto e la devo portare dal meccanico (non autorizzato, serve un carro attrezzi), voglio prendere un aperitivo in centro con gli amici delle storiche (non autorizzato, non posso nemmeno uscire di casa), mi incazzo e decido di rottamarla (autorizzato).

Di fronte a cotanta becera ignoranza io spero solo una cosa, ma non la scrivo.

Faccio notare che questa deroga riguarda soltanto le auto storiche iscritte negii appositi regisstri. Cioè, una euro 0 non iscritta non può neanche recarsi alla demolizione o alla revisione?
l'automobile non è un mezzo di trasporto, ma una compagna di viaggio

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6164
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #6 il: 01 Ottobre 2018, 08:24:15 »
Esatto, ci vuole il carrello.... ora, si può essere amici dell'ambiente anche in altro modo, ad esempio favorendo la sostituzione di caldaie e impianti industriali obsoleti o favorendo l'uitilizzo dei mezzi pubblici con tariffe, corse ed abbonamenti interessanti senza tartassare gli automobilisti... Ma se al governo di una città c'è un sindaco nazi-vegan-biciclettaro il risultatto è questo..
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline Sovrasterzo

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 1028
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #7 il: 01 Ottobre 2018, 12:22:00 »
La Regione Emilia Romagna è stata ben più severa, vietando la circolazione agli Euro 1 (quindi non solo agli Euro 0!) a benzina ed agli Euro 4 (si... avete letto bene...) a gasolio. L'unica possibilità concreta è quella di trasformare le Euro 0/1 da benzina a GPL o metano, altrimenti non le si potrà utilizzare a piacimento dal 1/10/2018 al 31/3/2019, mentre tutte le diesel non Euro 5 sono spacciate a prescindere in tal senso. Esistono comunque deroghe come il car pooling (ndr: almeno 3 persone a bordo, o 2 per i veicoli a 2 posti), oltreché i veicoli al servizio degli invalidi. Colgo, inoltre, l'occasione per far presente che la prima sanzione è senz'altro salata (da 164 a 664 €), ma l'eventuale reiterazione nel biennio prevede, in aggiunta, la sospensione della patente (da 15 a 30 giorni), ex art. 7.13-Bis C.d.S.!
« Ultima modifica: 01 Ottobre 2018, 12:26:22 da Sovrasterzo »

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #8 il: 01 Ottobre 2018, 18:30:11 »
Con la triste occasione, ricordo che da alcuni anni(dopo aver eliminato un bizantino balzello chenon lo permetteva), è possibile installare anche sulle auto diesel l'impianto a gas(metano o GPL).
Il metano pare essere quello che rende meglio dato l'alto numero di ottani(circa 120) e il rapporto di compressione del diesel, decisamente superiore a quello abituale dei motori a benzina.
https://landirenzo.com/it/impianti-dual-fuel-diesel-metano
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline Frosty the snowman

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3315
  • non si dice cabrio, si dice convertibile...
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #9 il: 01 Ottobre 2018, 18:37:36 »
Io invece faccio presente che a Torino, le euro 0 sono comunque spacciate anche se convertite a GPL...
l'automobile non è un mezzo di trasporto, ma una compagna di viaggio

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #10 il: 01 Ottobre 2018, 18:50:44 »
Ricordo che anni fa(mi pare fosse il 2000), anche a Pavia, per un solo autunno/inverno(poi ci fu un giusto ravvedimento), vietarono la circolazione alle Euro 0 con impianto a gas. Io che avevo la prima, delle mie 5 Fiesta ::)(euro 0 a metano)  , chiesi ad un vigile il motivo di una scelta così becera e come risposta, poco convinta, mi disse che avrei potuto circolare anche a benzina. :o  ???
Tra l'altro nel 2000, quella Fiesta classe 1989, aveva solo 11 anni e quindi sarebbe stato una vessazione insostenibile.
Non aggiungo altro e lascio a voi i commenti  ::)
« Ultima modifica: 01 Ottobre 2018, 18:52:47 da ITRAEL »
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline citropal

  • Pilota
  • *
  • Post: 3
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #11 il: 02 Ottobre 2018, 11:03:50 »
Ciao,
mi sono iscritto al volo per far presente che (se non ho capito male) l' ordinanza è stata revocata - per la città di Torino.
Per cui non c'è più il blocco TOTALE 24/7 delle Euro 0 (quindi epoca)

Leggo, dal sito della città di Torino:

Le nuove misure antismog previste dal 1 ottobre sono state revocate, a seguito delle recenti decisioni della Regione Piemonte, con ordinanza n. 57 (pdf).
Da lunedì pertanto si applicano le limitazioni permanenti già in vigore che riguardano:
- trasporto persone: tutti i veicoli Euro 0 e veicoli diesel Euro 1 e 2, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 19.00;
- trasporto merci: tutti i veicoli Euro 0 e veicoli diesel Euro 1 e 2, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 19.00.
Le limitazioni pertanto sono quelle già previste dalle ordinanze n.6213 del 2012 e n. 81 del 2016 (pdf).

http://www.comune.torino.it/

Notizie a livello regionale ?


Saluti !
« Ultima modifica: 02 Ottobre 2018, 11:09:14 da citropal »

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #12 il: 02 Ottobre 2018, 12:24:08 »
Ciao,
mi sono iscritto al volo per far presente che (se non ho capito male) l' ordinanza è stata revocata - per la città di Torino.
Per cui non c'è più il blocco TOTALE 24/7 delle Euro 0 (quindi epoca)

Leggo, dal sito della città di Torino:

Le nuove misure antismog previste dal 1 ottobre sono state revocate, a seguito delle recenti decisioni della Regione Piemonte, con ordinanza n. 57 (pdf).
Da lunedì pertanto si applicano le limitazioni permanenti già in vigore che riguardano:
- trasporto persone: tutti i veicoli Euro 0 e veicoli diesel Euro 1 e 2, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 19.00;
- trasporto merci: tutti i veicoli Euro 0 e veicoli diesel Euro 1 e 2, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 19.00.
Le limitazioni pertanto sono quelle già previste dalle ordinanze n.6213 del 2012 e n. 81 del 2016 (pdf).

http://www.comune.torino.it/

Notizie a livello regionale ?


Saluti !
Grazie per l'informazione ma , prima di qualunque intervento, come da regolamento(dettato dal buon senso), ti devi presentare ,anche se ti sei iscritto al volo per un'utile comunicazione:
https://forum.passioneauto.it/index.php/board,8.0.html
Grazie
« Ultima modifica: 02 Ottobre 2018, 12:26:59 da ITRAEL »
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline Contecassius

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 705
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #13 il: 02 Ottobre 2018, 12:25:11 »
Vero è che con l'ordinanza n. 57/2018, il comune di Torino ha revocato la precedente ordinanza 56/2018 con la quale veniva istituito il famoso blocco H24/D7. Ma è altresì vero che con tutta probabilità le limitazioni diverranno attive la settimana prossima.
A livello di Citta Metropolitana/Regione, non mi risulta che si sia revocato alcunché, mi pare di capire (come si legge in un comunicato sul sito della Citta Metropolitana del 29/09) che si stia lavorando a livello regionale e siano allo studio nuove deroghe (dopo un confronto - tra gli altri - delle associazioni di categoria) "tenendo conto delle esigenze di alcune categorie".
Novità dovrebbero essercene dal 04/10 in poi.

E' altrettanto vero che su base dell'estensione territoriale e non della densità abitativa, il territorio regionale interessato da dette restrizioni è - per fortuna - piuttosto limitato, ma il problema rimane enorme.

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 7254
  • Fiat 850 spider
Re:Blocco della circolazione in Provincia di Torino
« Risposta #14 il: 02 Ottobre 2018, 12:32:45 »
Tra l'altro leggo leggo, sull'ordinanza del 2012, che il traffico viene fortemente limitato a:
- dalle ore 8.00 alle ore 19.00 a tutti i veicoli adibiti al trasporto persone aventi al massimo 8 posti a sedere oltre il conducente (categoria M1)
e quindi significa che gli autobus possono inquinare quanto vogliono  >:(;

- alimentati a benzina, metano o GPL con omologazioni precedenti all'EURO 1;
ovviamente perchè potrebbero circolare a benzina  ::)

La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23