nivolare.com

Autore Topic: Immatricolazione Citroen del 1928  (Letto 7197 volte)

Offline cekk500

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 12441
  • una volta aquisita, non ti serve piu' esperienza
Re: Immatricolazione Citroen del 1928
« Risposta #15 il: 03 Luglio 2008, 15:02:31 »
. Per il nullaosta della Citroen (che sinceramente non avevo mai sentito) ovviamente dovrò richiederlo alla Citroen in Francia non alla Citroen Italia come per il certificato delle caratteristiche tecniche.
La Citroen italia dubito che possa aiutarti, ma prova a scrivergli!
Il nullaosta serve per certificare la scheda tecnica ed un eventuale relazione tecnica del restauro! Trattandosi di una Anteguerra.......è consigliabile perchè darebbe all'auto un valore aggiunto.....e ti eviterebbe contraddizioni con i tecnici della motorizzazione......ne so qualcosa con una 521 Fiat, freni in cuoio!!!!!
Volevano provarla sui rulli.......ti rendi conto???
Occorre la documentazione tradotta, presso la motorizzazione ti rilasciano un numero di pratica e con quella inizierai l'iter burocratico, volendo puoi seguirlo da te' ma se risiedi in una grande provincia te lo sconsiglio! Tutto funziona sulla tracciabilita' della storia del veicolo, ricorda che è essenziale documentare tutto!
Dati francesi (immatricolazione e radiazione) fattura o documento di aquisto che ti legittima ad espletare la pratica.....e la parte tecnica, dati caratteristiche documentate dalla casa madre........poi c'è la prova! Collaudo presso la motorizzazione dove tutto dev'essere impeccabile. Di solito l'esame viene fatto da 2 o 4 ingnegneri che testimoniano la regolarita' a circolare. Poi richiedi le targhe paghi 275 euri e te le consegnano.......Auguri
soliti problemi di foto

Il Forum di Passioneauto.it

Re: Immatricolazione Citroen del 1928
« Risposta #15 il: 03 Luglio 2008, 15:02:31 »

Offline Mirdox

  • Pilota
  • *
  • Post: 1
Re: Immatricolazione Citroen del 1928
« Risposta #16 il: 26 Settembre 2008, 08:09:23 »
Secondo me la cosa è molto più semplice di quanto sin qui detto avvalendosi della Circolare D.G. n. 170 del 15 settembre 1986.
Ti è sufficiente
-una denuncia all'autorità competente del documento di circolazione SENZA CHE SIA 
 NECESSARIA ALCUNA COPIA DELLO STESSO;
-certificazione delle caratteristiche tecniche sostituibile da dichiarazione ASI.
Procurati questi documenti devono immatricolartela.
ciao
Mirdox

Offline Frosty the snowman

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3354
  • non si dice cabrio, si dice convertibile...
Re: Immatricolazione Citroen del 1928
« Risposta #17 il: 26 Settembre 2008, 14:28:18 »
In effetti la state facendo mooolto difficile.
Lo sdoganamento da un paese CEE non è necessario.
La scheda delle caratteristiche tecniche se è in francese va tradotta, se è quella ASI va bene così com'è
Se non hai i documenti del paese d'origine è sufficiente la denuncia di smarrimento.
Tutto il resto (relazioni tecniche di restauro, nullaosta della casa costruttrice, estratto cronologico francese...) sono panzane che raccontano le agenzie per giustificare l'esosa richiesta per espletare la pratica (1800-2000 euro? ma scherziamo?)
Il costo burocratico di un'operazione del genere non supera i 250 euro, compresa iscrizione al PRA.
l'automobile non è un mezzo di trasporto, ma una compagna di viaggio

Il Forum di Passioneauto.it

Re: Immatricolazione Citroen del 1928
« Risposta #17 il: 26 Settembre 2008, 14:28:18 »
nivolare.com

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23