Autore Topic: Qualche volenteroso disposto a darmi consigli per lavoretti su Fiat 1100B?  (Letto 5589 volte)

Offline t.bird

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 2726
  • la stella più bella nasce a stoccarda
Re:Qualche volenteroso disposto a darmi consigli per lavoretti su Fiat 1100B?
« Risposta #60 il: 26 Febbraio 2018, 12:52:50 »
Concordo... ricordati 00xyz00 (ma che diavolo di nick sarebbe :D :D :D ?? ) che se un'auto del genere non perde olio, è perchè.... è finito! ;)

quoto... in toto..nigel.... .
@ Giorgio è stato esemplare per come ha delucidato le cose da fare... bravo.
t.bird
volere è potere e l'acqua comunque va alla scesa.
se da dietro mi lampeggi,
io penso che saluti,
se mi vuoi superare una gara devi fare
se riesci nell'intento,è giunto il tuo momento
di manico portento.
se apro lo sportello ad una donna o l'auto nuova o la donna nuova.

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Re:Qualche volenteroso disposto a darmi consigli per lavoretti su Fiat 1100B?
« Risposta #61 il: 27 Febbraio 2018, 21:25:56 »
Siete veramente disponibili,  vi ringrazio tutti!!

La macchina ha marciato talmente poco che difficilmente ha perso tutto l'olio :D
Semplicemente perde un po qua e un po la.  Cercherò di ridurre quelle piu vistose.

A proposito d'olio, il mio manuale recita:
- Olio Fiat CP da usare per scatola cambio,  ponte e scatola guida

- Olio fiat V I oppure olio fiat V E come olio coppa motore e olio filtro aria.

 -  Olio fiat S. A. I. per ammortizzatori

- Olio fiat E per raccordi a pressione tipo lubrificatore ventola raffreddamento,  snodi etc..

Grasso Fiat A 11 per ingrassatore distribuzione.

Esistono equivalenze commerciali attuali? E poi io pensavo che nei fusi e comunque nelle articolazioni servisse grasso (al litio) e invece viene indicato "olio"  fiat E.



« Ultima modifica: 27 Febbraio 2018, 21:30:04 da 00xyz00 »

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Re:Qualche volenteroso disposto a darmi consigli per lavoretti su Fiat 1100B?
« Risposta #62 il: 28 Febbraio 2018, 01:30:54 »
Sto vedendo che l'olio motore attualmente idoneo per motori vecchi come il mio sarebbe un 20w 50,  preferibilmente marche blasonate (Motul, Castrol,  Bardahl,  Agip)

Per l'olio cambio e ponte posteriore un olio piu denso,  tipo il Bardhal o i Motul SAE 80w 90.
Confermate?

Rimane da capire gli equivalenti del
Olio Fiat SAI
Olio Fiat E (o grasso?!)
Grasso Fiat A11

Qui alcune indicazioni
http://blog.vieffelubrificanti.it/lubrificazione-fiat-topolino/
« Ultima modifica: 28 Febbraio 2018, 02:03:33 da 00xyz00 »

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Re:Qualche volenteroso disposto a darmi consigli per lavoretti su Fiat 1100B?
« Risposta #63 il: 28 Febbraio 2018, 05:51:12 »
Per quanto riguarda l'olio fiat SAI per ammortizzatori vedo che la castrol propone l'olio molto fluido
 " FLUIDO TQ-F PER  CAMBI  AUTOMATICI Fluido  per  cambi  automatici  con  additivi  che  garantiscono  un'ottima  resistenza all'usura,  all'ossidazione  e  alla  corrosione.  Generalmente  indicato  per  cambi  Ford  o Borg  Warner  d'epoca.  Può  essere  utilizzato  anche  nei  carter  della  catena  primaria delle  moto,  quando  è  richiesto  un  olio  SAE  20,  come  anche  negli  ammortizzatori  a pistone.  Di colore  rosso  per  agevolarne  l'identificazione."

La scelta del SAE 20 è indicata anche da altri produttori per ricaricare ammortizzatori o sistemi di sospensione, indifferentemente se di auto o moto https://www.motul.com/it/it/products/fork-oil-expert-heavy-20w
« Ultima modifica: 28 Febbraio 2018, 05:56:51 da 00xyz00 »

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Eccomi con i vari aggiornamenti.
Per quanto riguarda gli oli e i grassi, ne la fiat heritage ne il centro storico fiat riescono ad avere documentazione inerente. Quindi salvo vostre controindicazioni mi atterrò a quanto detto prima.


Per quanto riguarda il sistema frenante, e in particolare i cilindretti, la situazione é abbastanza chiara sebbene non soddisfacente. I cilindretti sono tutti completamente bloccati e arrugginiti.








Sia all'anteriore che al posteriore monto 25,4mm con filettatura 10x1,25. Non posso sapere se questi siano i cilindretti originali o montati in sostituzione successivamente. Alcuni (3 su 4) erano rimasti bloccati in condizione di frenata immobilizzando quindi le ruote.

« Ultima modifica: 18 Marzo 2018, 11:55:04 da 00xyz00 »

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
I tamburi sono però in perfette condizioni come potete vedere da foto e quindi prevedo un ripristino rapido e indolore.





All'anteriore lo smontaggio è stato semplice grazie ai due fori filettati che permettono di usare due viti come estrattori (come detto da Giorgio).



Al posteriore invece i due fori non sono filettati e quindi ho faticato un po di più a togliere tutto il tamburo (facendomi un estrattore improvvisato) e il rotismo.

Con i due semiassi posteriori liberi dai freni bloccati ho verificato che il differenziale girasse fluido e senza rumore. Mi è sembrato perfetto nel movimento, leggerissimo da ruotare, e mi sono tolto una preoccupazione.

« Ultima modifica: 18 Marzo 2018, 11:58:31 da 00xyz00 »

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
I ferodi sono belli spessi e a parte uno, uniformi. Uno di questi ha invece una zona spugnosa ma per ora direi di non sostituirlo dato che non servono ganasce da competizione. In una ruota posteriore, nonostante abbia tolto i perni dei cilindretti e quindi posizionato le ganasce in posizione "minima", i ferodi strusciano comunque con l'interno del tamburo. Forse il ferodo è troppo spesso. O forse il tamburo con diametro troppo stretto.



Che ne dite?
Prenderò due misure al prossimo smontaggio.
Riepilogando comunque, comprerò i cilindretti giusti e li farò montare, assieme alla pompa nuova, dal mio meccanico. Per il contatto tra le ganasce di una ruota e il tamburo, forse si risolve soltanto con le regolazioni....


Infine dato che i dischi porta ganasce, come vedete anche dalla foto, mi sembrano tendenti a far ruggine e comunque non belli a vedersi, stavo pensando a farli sistemare e verniciare. Approfitterei quindi dei lavori di ripristino ganasce/cilindretti per far fare anche questo lavoro se secondo voi ha senso







Spero abbiate tempo di darmi qualche consiglio e vi ringrazio!
« Ultima modifica: 18 Marzo 2018, 12:08:02 da 00xyz00 »

Online ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6553
  • Fiat 850 spider
Giorgio interverrà con i suoi saggi e competenti consigli, nel frattempo un banale consiglio te lo dò io: come avrai sicuramente capito, la quasi totalità dei problemi che devi affrontare, provengono da un mancato utilizzo. Mi auguro che una volta sistemata, venga utilizzata, basta anche una volta al mese se mantenuta in luogo asciutto e arieggiato.Parrò banale ma ho visto troppe volte, ripristini, restauri e , dopo il primo giro attorno a casa, tutto cade nel dimenticatoio, per i più disparati motivi:mancanza di tempo, scomodità, ripetitività dei comportamenti ecc
A pochi metri da casa mia, c'è una 500L che è stata restaurata 3 volte e mai utilizzata.Con un'elegante lentezza, si sta sbriciolando. Un mio amico era interessato e ha fatto un'offerta, la risposta è stata"per quella cifra la lascio là" >:(
Non servono commenti
« Ultima modifica: 19 Marzo 2018, 07:48:07 da ITRAEL »
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline valetri75

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3114
Questo restauro mi sta appassionando sempre più, come d'altra parte quello di Contecassius. Per quanto riguarda il ripristino dei dischi portaganasce, direi che va fatto; è vero che sono parti che non si vedono ma, giacchè ci sei, il lavoro fallo per bene in modo da aumentare la longevità del mezzo e, perché no, anche il valore.

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 5573
Comunque visto che c'è materiale, una "pelatina" (leggi rettifica) impercettibile ai tamburi la darei, insieme ad una bella grattata ai ferodi. O meglio, ferodi nuovi. Tutto ciò per far lavorare tra loro materiali "freschi" e privi di ossidazione.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Grazie per gli interventi.

@ITRAEL
Di certo verrà utilizzata. Purtroppo, ma immagino lo sappiate, spesso le dinamiche familiari portano a non tener conto di alcune cose quando le attenzioni vengono assorbite da altro. Ma ora la musica è cambiata. La vecchietta deve ripartire e girare per far sfoggio di se e dei tempi che ha rappresentato.

"Con un'elegante lentezza, si sta sbriciolando": che amarezza! :(

@valetri75
Credo lo farò, sebbene non ho idea di quanto mi verrà a costare in più.

@nigel68
Non so se in questo frangente riesco a permettermi anche di cambiare ferodi. La pecunia non è infinita.

Comunque Giorgio mi ha risposto in privato, e lo ringrazio anche qui.
Suggerisce di verificare la centratura delle ganasce a riposo per verificare se abbiano bisogno di qualche pelatina qua e la. Mi ha spiegato la costruzione di una sorta di compasso da applicare alle colonnette per fare questa verifica.

Nei prossimi giorni mi metterò in moto per l'acquisto dei cilindretti nuovi, sebbene alla fine non sia convinto dei modelli.
Temo infatti che questi siano cilindretti della 1100 103 che a suo tempo son stati montati sulla mia vecchietta. Non sapendo che pesci pigliare mi sono comprato il catalogo parti di ricambio. Appena mi arriva sveleremo l'arcano.

P.S ho tante altre domande da farvi, ma son convinto che se continuo mi scriverete "pilota rompipalle" sotto al nickname :D

Offline Plasma

  • Pilota
  • *
  • Post: 34
I cilindretti devi per forza sostituirli? si dovrebbero trovare i ricambi in gomma e tornerebbero funzionali

Offline 00xyz00

  • Pilota junior
  • **
  • Post: 53
Guarda sono completamente bloccati e arruginiti nelle zone di strusciamento. Anche a voler ripristinarli sarebbero più le ore di lavoro che la soddisfazione. E come ha detto Giorgio qualche pagina fa il rischio è di ritrovarsi con cilindretti che perdono olio.
Dato il costo non proibitivo dei ricambi, e l'importanza dei freni nella sicurezza (non per il rischio di farsi male date le velocità di viaggio, quando di rovinare l'auto), meglio cambiarli con cilindretti efficienti. A patto di capire quali erano montati in origine. :D

Offline Plasma

  • Pilota
  • *
  • Post: 34
io ci proverei mettendoli a bagno nel WD40, il cilindro vero e proprio si riga a causa di un uso intenso e privo di manutenzione ma nel caso della tua auto sembra - coma sottolineato anche da altri utenti - che sia stata usata poco dopo i precedenti interventi di manutenzione. Comunque se sei più tranquillo a cambiarli almeno non buttarli, puoi sempre provare in seguito a ripristinarli

Offline Frosty the snowman

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3157
  • non si dice cabrio, si dice convertibile...
Comunque visto che c'è materiale, una "pelatina" (leggi rettifica) impercettibile ai tamburi la darei, insieme ad una bella grattata ai ferodi. O meglio, ferodi nuovi. Tutto ciò per far lavorare tra loro materiali "freschi" e privi di ossidazione.

Recentemente ho avuto problemi su diverse auto in seguito a questo tipo di intervento.
Considerando che tamburi e ganasce nuovi mediamente non sono costosissimi, preferisco la sostituzione con pezzi nuovi.
In ogni caso se una ganascia ha il ferodo "spugnoso" (non so bene cosa intendi) credo che non si otterrà mai una frenata equilibrata.
l'automobile non è un mezzo di trasporto, ma una compagna di viaggio

Auto d'Epoca - Il forum degli appassionati di auto storiche