Autore Topic: Citroen Axel - l'ultima Citroen  (Letto 539 volte)

Offline citro1985

  • Pilota
  • *
  • Post: 10
Citroen Axel - l'ultima Citroen
« il: 07 Agosto 2019, 23:20:52 »
Salute a tutti. Esternamente la Axel era solo a 3 porte con i fari post. verticali. Aveva i motori della GS/GSA 4 cilindri boxer raffreddati ad aria ed accensione con puntine platinate. Per questo è considerata l'ultima vera Citroen, prima che la Citroen fosse acquisita dalla Peugeot. In Italia era venduta solo nella cilindrata 1129 cc. nelle versioni Axel base e Axel 11 R più accessoriata come la mia. Ne furono vendute solo 6811 esemplari. L'ho acquistata nuova nel 1986 con un congruo sconto al prezzo di 7 milioni circa, comprensivo dell'optional della vernice grigio perla. Attualmente ha 270.000 Km. Allego le foto pubblicate sulle riviste Ruoteclassiche di giugno e Youngtimer di luglio-agosto coran, in occasione del 3 raduno Youngtimer Legend cars cui ho partecipato a Verona il 11 maggio scorso, organizzato dalla rivista Ruoteclassiche e riservato a tutte le auto immatricolate dal 01.01.1980.

Il Forum di Passioneauto.it

Citroen Axel - l'ultima Citroen
« il: 07 Agosto 2019, 23:20:52 »

Offline valetri75

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 3232
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #1 il: 08 Agosto 2019, 13:55:10 »
Insomma, una piccola chicca, anche se forse ingiustamente non molto conosciuta.

Offline elytec71

  • Pilota esperto
  • ***
  • Post: 138
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #2 il: 08 Agosto 2019, 15:10:58 »
Ciao
dovevo esserci anch'io a Verona legend Car ma mincciava tempesta e ho rinunciato , ma c'ero il giorno dopo con il raduno delle E31, tempo pessimo anche la domenica 12.05. Ci sarà a Padova Auto e Moto d'Epoca se vuoi ci sentiamo. Complimenti per la coppa !
Ciao ciao
Elytec71

PS = però su RuoteClassiche mesi fa hanno fatto un servizio completo sulla tua macchina e la sua equivalente che adesso non ricordo il nome ..
« Ultima modifica: 08 Agosto 2019, 15:13:50 da elytec71 »
BMW 850i/1991 - Alfaromeo 75 1.8/1987
Club E31 Italia - www.clube31.it

Offline citro1985

  • Pilota
  • *
  • Post: 10
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #3 il: 08 Agosto 2019, 15:20:07 »
Grazie, sabato poi il cielo era cupo ma senza pioggia. Guarda che il servizio fatto a gennaio su Ruoteclassiche riguarda sempre le mie auto, ho anche la Oltcit la gemella rumena che ho salvato in un mazza o di una concessionaria dove è rimasta nuova invenduta mai immatricolata dal 1991

Offline elytec71

  • Pilota esperto
  • ***
  • Post: 138
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #4 il: 08 Agosto 2019, 16:11:06 »
Ecco la Olcit....adesso ricordo! Quella confesso non la conoscevo per nulla...
BMW 850i/1991 - Alfaromeo 75 1.8/1987
Club E31 Italia - www.clube31.it

Offline citro1985

  • Pilota
  • *
  • Post: 10
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #5 il: 08 Agosto 2019, 16:26:45 »
Scusa nel testo di prima leggi magazzino. Penso tu sia del 71, quindi è difficile conoscerla. In sintesi quando cessarono le vendite della Axel nel 88, importarono dalla Romania le Oltcit, la sorella rumena frutto di un accordo tra la Citroën e Ceausescu. Ma non ebbe successo perché obsoleta. Posso dirti che non è una Visa in quanto monta il 4 cilindri boxer raffreddato ad aria della gs/gsa e 4 freni a disco. Poi ti mando qualche foto.

Offline Sovrasterzo

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 1019
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #6 il: 10 Agosto 2019, 11:59:27 »
Complimenti Citro! :)

Offline ITRAEL

  • Moderatore globale
  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6814
  • Fiat 850 spider
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #7 il: 11 Agosto 2019, 09:27:59 »
I miei complimenti per la passione con cui sostieni un'auto che raramente ha potuto entrare e restare nei cuori degli italiani.

Dovendo scegliere, opterei per una,più vecchia, GS, dotata di sospensioni idropneumatiche,servosterzo e servofreno.

Negli anni 90 ho avuto una ID20 super e trovo che quelle soluzioni siano insuperate tuttora. :)
La differenza tra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i suoi limiti.
Pensatore sconosciuto

Offline elytec71

  • Pilota esperto
  • ***
  • Post: 138
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #8 il: 12 Agosto 2019, 14:47:32 »
Grazie delle informazioni Citro, non si finisce mai di imparare !
Vediamo a Padova alla fiera di Ottobre così ci prendiamo un caffè insieme, invito esteso anche ai tanti frequentatori del forum
A presto
Elytec71

PS = si sono del 71 ma tu non sei del 85 ;-)
BMW 850i/1991 - Alfaromeo 75 1.8/1987
Club E31 Italia - www.clube31.it

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 5828
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #9 il: 16 Agosto 2019, 15:20:42 »
Me la ricordo come se fosse oggi quando venne "presentata" sul mercato italiano come Citroen, dato che appunto veniva già prodotta in Romania come Oltcit...

In quegli anni io ero un "Citroenista" dato che possedevo una Visa II Club 650 ex Citroen Italia, superaccessoriata: fa ridere lo so ma aveva il tergilunotto, i poggiatesta anteriori e udite udite, la vernice metallizzata (verde pino)..mancava solo il tetto apribile che era più facile vedere sulle Super 1100.

La Axel venne presentata come oggi può essere la Fiat Tipo, cioè una vettura spaziosa e relativamente economica nell'esercizio (il 4 cyl boxer non era proprio un campione di economia) ma soprattutto dal prezzo bassissimo. Una vera low-cost car...

Sfortunatamente, eravamo nel pieno del favoloso edonismo anni '80 e a nessuno venne in mente di acquistare una Citroen assemblata in Romania... Chissà se all'epoca qualcuno avrebbe previsto che 33 anni dopo una delle marche di maggior successo sarebbe stata la DACIA e che il parco macchine si sarebbe trasformato in uno da Terzo Mondo, dominato da utilitarie a 4 porte e gipponi-fake con l'aerodinamica di uno chalet svizzero, mossi da insulsi motori a nafta quando non da asfittici 3 cilindri. Un quadro da poveracci insomma.

Ma torniamo alla Axel: a me ovviamente piaceva moltissimo, soprattutto all'interno... ricordo che la comprò la zia di un mio amico come seconda auto, rossa.. A me non andavano giù i copricerchi neri (non mi sono mai piaciuti i cerchi neri sulle auto, a maggior ragione adesso) che erano di serie sulla R. Confesso che per un momento fui tentato di proporre in permuta la mia Visa per quella due porte franco-rumena...ma le mie risicatissime finanze di studente mi fecero tornare subito sulla Terra. A memoria ne vidi qualcuna argento come quella di citro, ma non ricordo altri colori (c'era forse anche bianca??) così come non ricordo di aver mai visto una versione base..
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline citro1985

  • Pilota
  • *
  • Post: 10
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #10 il: 16 Agosto 2019, 23:29:51 »
Me la ricordo come se fosse oggi quando venne "presentata" sul mercato italiano come Citroen, dato che appunto veniva già prodotta in Romania come Oltcit...

In quegli anni io ero un "Citroenista" dato che possedevo una Visa II Club 650 ex Citroen Italia, superaccessoriata: fa ridere lo so ma aveva il tergilunotto, i poggiatesta anteriori e udite udite, la vernice metallizzata (verde pino)..mancava solo il tetto apribile che era più facile vedere sulle Super 1100.

La Axel venne presentata come oggi può essere la Fiat Tipo, cioè una vettura spaziosa e relativamente economica nell'esercizio (il 4 cyl boxer non era proprio un campione di economia) ma soprattutto dal prezzo bassissimo. Una vera low-cost car...

Sfortunatamente, eravamo nel pieno del favoloso edonismo anni '80 e a nessuno venne in mente di acquistare una Citroen assemblata in Romania... Chissà se all'epoca qualcuno avrebbe previsto che 33 anni dopo una delle marche di maggior successo sarebbe stata la DACIA e che il parco macchine si sarebbe trasformato in uno da Terzo Mondo, dominato da utilitarie a 4 porte e gipponi-fake con l'aerodinamica di uno chalet svizzero, mossi da insulsi motori a nafta quando non da asfittici 3 cilindri. Un quadro da poveracci insomma.

Ma torniamo alla Axel: a me ovviamente piaceva moltissimo, soprattutto all'interno... ricordo che la comprò la zia di un mio amico come seconda auto, rossa.. A me non andavano giù i copricerchi neri (non mi sono mai piaciuti i cerchi neri sulle auto, a maggior ragione adesso) che erano di serie sulla R. Confesso che per un momento fui tentato di proporre in permuta la mia Visa per quella due porte franco-rumena...ma le mie risicatissime finanze di studente mi fecero tornare subito sulla Terra. A memoria ne vidi qualcuna argento come quella di citro, ma non ricordo altri colori (c'era forse anche bianca??) così come non ricordo di aver mai visto una versione base..
Vorrei precisare che i copricerchi lenticolari della Axel 11 R sono grigi e non neri. La versione base Axel non montava i copricerchi, così come la Oltcit. La versione 1299, non importata in Italia, aveva i cerchi in lega leggera. La versione lusso Axel 11 R per il prezzo di circa 8 milioni nel 1986 offriva tanto. Pensate che una Fiat Uno 60 costava più di 11 milioni, e le stesse Citroën LN, LNA, Visa, AX, allora in listino costavano dai 2 ai 3 milioni in più. La Axel 11R offriva di serie il contagiri, orologio digitale, appoggiatesta ant., accendisigari, rivestimento interno tutto in moquette, cappelliera, vano bagaglio rivestito, predisposizione radio con casse e antenna, finestrini post. apribili a vite continua, vano portaoggetti e portabicchiere, lu e carta, retrovisore laterale regolabile meccanicamente a doppia rotella, regolazione luci ant. in base al carico. Le plastiche erano un po' scadenti. Era solo a 4 marce, la versione 1299 era a 5 marce, aveva 4 freni a disco, ant. centrali autoventilati, sospensioni a 4 ruote indipendenti sofisticate, non aveva il servo freno né il servosterzo, accensione a bobina, comoda  nei viaggi, abbastanza parsimoniosa se non entrava in funzione il carburatore doppio corpo solex. Cx all'avanguardia di 0,36., circa 60 cv, prestazioni di tutto rispetto, superava i 150 km/h., volante monorazza,  luci gialle  e doppi satelliti tipici citroen. I colori erano bianco, rosso blu e grigio metallizzato (optional). A Rovigo all'epoca circolava oltre la mia anche una versione base bianca poi rottamata.

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 5828
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #11 il: 17 Agosto 2019, 08:10:43 »
Vorrei precisare che i copricerchi lenticolari della Axel 11 R sono grigi e non neri.

Sì hai fatto bene a precisare... ;) in ogni caso non mi piacevano comunque proprio perché non erano argento, paradossalmente avrei preferito quelli della base. Immagino però che si potessero togliere e rivelare il cerchio sottostante  :)

La descrizione molto accurata che hai fatto della dotazione e delle caratteristiche fa capire perché tutto sommato era una macchina interessante... "intelligente" direi. Ma appunto, era un periodo in cui l'importante era spendere, non risparmiare! Tanto per dire, in quel periodo vennero presentate auto come le Uno, Ritmo e Regata "Energy Saving" che avevano accorgimenti intelligenti per risparmiare carburante...mi pare addirittura che avessero una sorta di rudimentale "Start & Stop" il tutto ad un prezzo di pochissimo superiore alle versioni normali. Non le comprò praticamente nessuno...e ci scommetto, perché si tiravano dietro l'aria da "pidocchio" mentre faceva molto più figo la scritta "TURBO".

Quando la volevo comprare io era già il 1990-91, quindi non era più possibile acquistarne di nuove in Citroen ma la concessionaria di Magenta (dove abitavo allora) ne aveva un paio nel piazzale, immagino usate o dimostrative...La mia vicina di casa la tenne per almeno 5 anni ma, lasciandola all'aperto, ricordo che ebbe problemi di ruggine.
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 5828
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #12 il: 17 Agosto 2019, 10:04:10 »
Anche se Off-Topic, riporto questo interessante articolo sulla Regata Energy Saving che, appunto come mi ricordavo, montava un primitivo sistema Start & Stop. Non sapevo però si trattasse del primo della storia...
https://it.motor1.com/news/200214/fiat-regata-es-la-prima-con-lo-start-stop/

End O/T.
« Ultima modifica: 17 Agosto 2019, 10:06:14 da nigel68 »
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline citro1985

  • Pilota
  • *
  • Post: 10
Re:Citroen Axel - l'ultima Citroen
« Risposta #13 il: 18 Agosto 2019, 21:57:50 »
Sì hai fatto bene a precisare... ;) in ogni caso non mi piacevano comunque proprio perché non erano argento, paradossalmente avrei preferito quelli della base. Immagino però che si potessero togliere e rivelare il cerchio sottostante  :)

La descrizione molto accurata che hai fatto della dotazione e delle caratteristiche fa capire perché tutto sommato era una macchina interessante... "intelligente" direi. Ma appunto, era un periodo in cui l'importante era spendere, non risparmiare! Tanto per dire, in quel periodo vennero presentate auto come le Uno, Ritmo e Regata "Energy Saving" che avevano accorgimenti intelligenti per risparmiare carburante...mi pare addirittura che avessero una sorta di rudimentale "Start & Stop" il tutto ad un prezzo di pochissimo superiore alle versioni normali. Non le comprò praticamente nessuno...e ci scommetto, perché si tiravano dietro l'aria da "pidocchio" mentre faceva molto più figo la scritta "TURBO".

Quando la volevo comprare io era già il 1990-91, quindi non era più possibile acquistarne di nuove in Citroen ma la concessionaria di Magenta (dove abitavo allora) ne aveva un paio nel piazzale, immagino usate o dimostrative...La mia vicina di casa la tenne per almeno 5 anni ma, lasciandola all'aperto, ricordo che ebbe problemi di ruggine.
Ecco le foto dei copricerchi grigi che si potevano togliere. A me piacevano, ma è questione di gusti personali. Invio anche la foto del cerchio della Oltcit che non montava i copricerchi lenticolari. In effetti all'epoca sono andato controcorrente nell'acquisto della Axel, ho badato alla sostanza e all'affidabilità Citroen, anche a costo di essere preso in giro. Invio anche 2 foto fatte al raduno del centenario Citroen che si è tenuto a luglio scorso a La Ferte Vidame vicino Parigi, dove sono affiancato da una Oltcit di un francese.

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23