nivolare.com

Autore Topic: Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.  (Letto 278 volte)

Offline Resilent

  • Pilota
  • *
  • Post: 8
Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« il: 23 Agosto 2020, 10:49:50 »
Un saluto a tutti voi.

Sto valutando di nazionalizzare la mia Ferrari (fra tre mesi varcherà la soglia dei vent'anni) con targa inglese.
Vorrei chiedervi qualche delucidazione riguardo l‘iter da seguire per la nazionalizzazione del veicolo.
Che io sappia :

Iscrivere l’auto all’ASI
Richiedere un CRS (certificato di rilevanza storica ai fini dell'immatricolazione)
Prenotare collaudo in motorizzazione (o richiedere il collaudo in via amministrativa ex Prot. n° 33292 del 20 dicembre 2018 
Consegnare targhe e documenti esteri
Consegnare Certificati ASI

Sapete dirmi se manca qualcosa?

Grazie! :D

Il Forum di Passioneauto.it

Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« il: 23 Agosto 2020, 10:49:50 »

Offline Resilent

  • Pilota
  • *
  • Post: 8
Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #1 il: 24 Agosto 2020, 08:19:14 »
Mi correggo: la consegna dei certificati ASI non c'entra nulla (mi confondevo con i documenti da fornire per la polizza assicurativa)  ::)

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6164
Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #2 il: 24 Agosto 2020, 09:19:44 »
Essendo una vettura già immatricolata in altro Stato membro UE (ancora fino a ottobre...) si può procedere all'immatricolazione d'ufficio a patto che sussistano due condizioni:
- Revisione (MOT) in corso di validità
- Carta di circolazione inglese (tradotta, quindi o passi da un'Agenzia o ti rivolgi ad una società di traduzione autorizza dal Tribunale del luogo) che riporti sufficienti dati tecnici per l'immatricolazione italiana. Diversamente, sarà necessaria una Scheda Tecnica fornita dal Costruttore con carta intestata, in originale. Da richiedersi presso la Ferrari logicamente.

In caso non si riesca ad avere il MOT valido, è necessaria la Visita & Prova (collaudo). Il mio consiglio, se non si ha tempo da perdere, è ovviamente quello di rivolgersi ad una Agenzia qualificata, specializzata in nazionalizzazione di veicoli.
« Ultima modifica: 24 Agosto 2020, 09:22:29 da nigel68 »
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Il Forum di Passioneauto.it

Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #2 il: 24 Agosto 2020, 09:19:44 »
nivolare.com

Offline nigel68

  • Gentleman driver
  • *****
  • Post: 6164
Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #3 il: 24 Agosto 2020, 09:24:35 »
P.s. spero per te che non abbia la guida a destra ;)
"Quando un italiano vede passare un'auto di lusso il suo primo pensiero non è di averne una anche lui, ma di tagliarle le gomme" - Indro Montanelli 1909-2001

Offline Resilent

  • Pilota
  • *
  • Post: 8
Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #4 il: 24 Agosto 2020, 17:41:54 »
Ciao,

No, guida a sinistra ;-)

Offline Resilent

  • Pilota
  • *
  • Post: 8
Re:Nazionalizzazione Ferrari con targa inglese.
« Risposta #5 il: 25 Agosto 2020, 06:35:01 »
Ciao,

Ovviamente mi rivolgerò a un'agenzia, per il momento sto cominciando a informarmi per delineare le coordinate da seguire :-)

La fatidica soglia dei 20 anni scatterà a gennaio 2021, quindi probabilmente si tratterà di immatricolare un veicolo ex UE (ma anche su questo le informazioni di cui dispongo non sono concordanti).

Ho i documenti dell'auto ma non una MOT aggiornata, sembra però che sia sufficiente presentare il CRS che - mi si dice -  sostituisce il COC fornito (in questo caso, alla modica cifra di duemila euro) dal costruttore. (Concordate?)

Quanto all'immatricolazione d'ufficio, secondo questo documento tale iter non è disponibile per le vetture provenienti dalla Gran Bretagna : http://www.dgtnordovest.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=70%3Anorme-generali-per-richiedere-limmatricolazione-di-veicoli-provenienti-da-stati-esteri-&catid=29%3Aveicoli&Itemid=37&limitstart=7  (Qualcuno sa dirmi se è un documento aggiornato?).

Un saluto ! :-)


Essendo una vettura già immatricolata in altro Stato membro UE (ancora fino a ottobre...) si può procedere all'immatricolazione d'ufficio a patto che sussistano due condizioni:
- Revisione (MOT) in corso di validità
- Carta di circolazione inglese (tradotta, quindi o passi da un'Agenzia o ti rivolgi ad una società di traduzione autorizza dal Tribunale del luogo) che riporti sufficienti dati tecnici per l'immatricolazione italiana. Diversamente, sarà necessaria una Scheda Tecnica fornita dal Costruttore con carta intestata, in originale. Da richiedersi presso la Ferrari logicamente.

In caso non si riesca ad avere il MOT valido, è necessaria la Visita & Prova (collaudo). Il mio consiglio, se non si ha tempo da perdere, è ovviamente quello di rivolgersi ad una Agenzia qualificata, specializzata in nazionalizzazione di veicoli.
« Ultima modifica: 25 Agosto 2020, 07:10:48 da Resilent »

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23